Parchi naturali, premiati 46 nuovi Junior Rangers

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Nel giardino della foresta di Tires nel Parco naturale Sciliar-Catinaccio, 46 tra bambini e ragazzi hanno ricevuto i diplomi per aver completato la formazione come Junior Ranger Parchi Naturali Alto Adige. “Il nostro paesaggio naturale e culturale è unico e merita di essere protetto. Quando ci riconosciamo come parte del nostro ambiente, diventa naturale trattarlo con cura”, spiega l’assessora provinciale Maria Hochgruber Kuenzer, ed è questo che i giovani ranger hanno imparato nel corso della loro formazione. “Sono i futuri ‘ambasciatori della conservazione della natura'”, si congratula l’assessora, che non ha potuto essere presente alla consegna dei diplomi. Il fatto che il progetto Junior Ranger sia rivolto al futuro è stato sottolineato anche da Helga Seeber, responsabile del progetto presso l’Ufficio Natura: “Se viene insegnato fin da piccoli, possiamo sperare che i giovani diventino adulti che difendono gli interessi della natura”. In otto unità di un giorno intero distribuite durante l’estate, i partecipanti dai 10 ai 12 anni hanno approfondito un’ampia varietà di argomenti – rocce e minerali, diversità degli insetti, gestione dei pascoli alpini, animali selvatici, sopravvivenza nella natura, sicurezza e situazioni di emergenza in montagna. Alla festa di chiusura, hanno potuto applicare le loro conoscenze acquisite in modo giocoso durante un’emozionante Olimpiade della foresta.

La formazione per Junior Ranger dei parchi naturali dell’Alto Adige è un progetto di cooperazione dell’Ufficio Natura della Provincia con le associazioni alpine Alpenverein Südtirol (AVS) e Club Alpino Italiano Alto Adige (CAI). Si svolge ogni anno dal 2009, alternandosi tra i diversi parchi naturali – quest’anno nei parchi naturali Gruppo Tessa, Vedrette di Ries-Aurina e Sciliar-Catinaccio.

Ti potrebbe interessare