La realtà aumentata applicata all'arredo bagno: Würth lancia il primo showroom virtuale

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

L’innovazione sbarca a piedi uniti nel mondo dell’arredo bagno in Alto Adige. Merito dell’azienda Würth che ha deciso di aprire il primo virtual showroom nel Würth Hydro Store di Marlengo, in cui la tecnologia della realtà aumentata viene applicata per far vivere al cliente un’esperienza d’acquisto a 360 gradi. Questo tipo di customer experience era già stata introdotta per il settore legno, in cui Würth Italia è leader per la vendita all’ingrosso di prodotti per la tecnologia di fissaggio ed assemblaggio, vantando un fatturato da 525 milioni di euro nel 2019, ed un utile di 12 milioni di euro.

Nel nuovo spazio dedicato da 40 metri quadri del negozio, sarà possibile osservare tramite gli “occhi” digitali dei visori HoloLens (sviluppati dalla Evolus, da anni partner di Würth e del colosso tech Microsoft) il proprio bagno completo di tutti i sanitari che si desiderano acquistare. Il cliente potrà prima progettare il bagno assieme ai consulenti Würth, vederlo in dimensioni reali e 3D e poi immergersi nel proprio spazio arredo, scongiurando così qualsiasi dubbio riguardo ai materiali e arredamento scelto, non trovandosi così spiacevoli sorprese una volta installati i componenti. Il tutto sotto l’attenta supervisione degli esperti che potranno illustrare al cliente i cataloghi e i diversi stili disponibili, abbattendo così tempi e costi grazie allo Showroom virtuale esclusivo che opera grazie alla realtà mixata e aumentata.

“Utilizzare questa tecnologia in questo comparto è una novità assoluta che ci rende pionieri e molto orgogliosi. Unire le necessità del mondo termosanitario con la realtà aumentata è una combinazione vincente che dimostra qualità e avanguardia. Il nostro obiettivo è quello di rivoluzionare il customer journey non solo dei clienti privati ma anche di artigiani e professionisti del mestiere”, puntualizza Nicola Piazza, amministratore delegato di Würth Italia.

Un vero e proprio viaggio che cambia completamente il rapporto tra cliente e impresa e apre nuove possibilità al comparto, offrendo un’esperienza sensoriale ed emozionale completa. All’interno del software alla quale sono collegati i visori in virtual e mixed reality, sono caricati infatti, tramite cloud, tutti i tipi di ambienti disponibili in negozio, permettendo così al cliente di modificare e scegliere in tempo reale le combinazioni che meglio preferisce. In questo modo si aumenta la flessibilità dei prodotti e si evita l’immobilizzazione della merce, riducendo gli spazi per lo showroom fisico.

Nicola Piazza

“È da tanto tempo ormai che Würth investe in innovazione, e siamo sicuri che questa sia la strada giusta – continua Piazza -. Siamo convinti di poter crescere nel settore idrotermosanitario e siamo sempre molto attenti alle nuove idee e progetti che provengono dall’Alto Adige, motivo per cui abbiamo un occhio di riguardo ad ambienti come il NOI Techpark di Bolzano dove abbiamo anche una sede”. Insomma, investire in tecnologie all’avanguardia per essere sempre competitivi è la strategia intrapresa dall’azienda per rispondere alle nuove esigenze della clientela.Il progetto del visore a realtà aumentata e lo store di Marlengo sono i nuovi concept nati dall’acquisizione di Torggler Commerz, azienda altoatesina specializzata nel ramo sanitario, da parte di Würth Italia, che fortifica la gamma di prodotti e servizi del mercato idrotermosanitario. Un business in continua crescita che propone molte possibilità di sviluppo, e che va di pari passo con la crescita della Würth stessa. “Ad oggi siamo un’azienda multicanale a vasta distribuzione ed entro fine anno apriremo una nuova sede logistica per il settore termosanitario nella zona industriale di Bolzano”, conclude Piazza.

La sede di Egna

 

“Siamo contenti di avere un team dell’azienda all’interno del Noi Techpark che si occupa di ‘open innovation’, focalizzando l’attenzione sulla trasformazione del modello di innovazione al di fuori dei confini della semplice azienda”, ha spiegato il direttore finanziario di NOI Techpark Hubert Hofer. Würth è una delle circa 80 aziende ospitate presso il polo dell’innovazione di Bolzano, che operano nel campo digitale, dell’automotive, del settore alimentare ed energetico.

I numeri di Würth

Attiva sul mercato dal 1963, Würth Italia si è sviluppata nel tempo diventando partner ufficiale di oltre 270.000 professionisti del mondo edile, industriale e automotive. Può vantare tre centri logistici a Egna, Crespellano (Bologna) e Capena (Roma), e oltre 170 punti vendita in Italia con 3.600 collaboratori. L’azienda, inserite nella top 300 dell’Alto Adige, offre supporto costante agli attori del settore, differenziandosi per affidabilità e competenza. Dati che certificano la bontà della strategia intrapresa dai vertici aziendali che hanno deciso di puntare fortemente su innovazione, commercio elettronico e user experience.

Il Gruppo Würth, che iniziò la sua storia nel 1945 con la fondazione in Germania dell’azienda Adolf Würth GmbH & Co. KG con sede a Künzelsau nel Baden Württemberg, è leader mondiale nella distribuzione di prodotti per il fissaggio ed il montaggio ed è presente nel mondo in 80 paesi con più di 400 aziende e oltre 78.000 collaboratori, di cui 32.000 tecnici venditori.

Alexander Ginestous

Ti potrebbe interessare