Turismo, 19 milioni di presenze. Ma cala la fiducia degli operatori

Pubblicato il 18 Settembre 2019 in Turismo

 

Il clima di fiducia nel settore turistico altoatesino cala rispetto allo scorso anno, ma rimane tendenzialmente buono: quasi nove imprese su dieci contano di conseguire un risultato d’esercizio soddisfacente nel 2019. Ciò emerge dal Barometro dell’economia dell’IRE – Istituto di ricerca economica della Camera di commercio di Bolzano.

Tra gennaio e luglio 2019 le presenze turistiche in Alto Adige sono state oltre 19 milioni. Si tratta di un valore molto elevato, ma rispetto allo stesso periodo dello scorso anno si sono registrati circa 177.000 pernottamenti in meno, corrispondenti a un calo dello 0,9 percento. La diminuzione delle presenze ha riguardato soprattutto la clientela italiana e, in misura minore, quella tedesca. Le presenze degli ospiti provenienti dagli altri paesi esteri sono invece cresciute del 4 percento. Nonostante l’incremento dei prezzi applicati alla clientela, il calo delle presenze si riflette sull’andamento dei fatturati, in particolare quelli conseguiti con gli ospiti provenienti da altre province italiane. Gli operatori intervistati segnalano inoltre un peggioramento della situazione competitiva, in parte riconducibile all’incremento dei costi. Peggiorano leggermente anche la puntualità dei clienti nei pagamenti e le condizioni di accesso al credito, mentre gli investimenti restano sostanzialmente stabili rispetto allo scorso anno. Tuttavia, nonostante questi segnali negativi, l’89 percento delle imprese conta di conseguire anche quest’anno una redditività quanto meno soddisfacente.

L’occupazione resta in crescita: nei primi sette mesi del 2019, da gennaio a luglio, gli occupati dipendenti nel settore turistico altoatesino sono stati mediamente oltre 30.000, ossia il 3,2 percento in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Guardando alle singole branche che compongono il settore turistico, il maggiore ottimismo si riscontra nei comparti dell’alloggio e della ristorazione. Tra i gestori di bar e caffè il clima di fiducia è invece più modesto, poiché la crescita dei costi non è pienamente compensata dall’incremento dei prezzi, anche a causa della forte concorrenza.

Il Presidente della Camera di commercio di Bolzano, Michl Ebner, sottolinea l’importanza di questo settore: «Il turismo è un importante motore per l’economia e l’occupazione nella nostra provincia. È perciò importante garantire alle imprese un quadro ottimale in cui operare, ad esempio per quanto concerne la raggiungibilità. Occorre inoltre affrontare la questione della carenza di personale qualificato, che colpisce particolarmente questo comparto».

Johanna Roellecke

 

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211