Plose, via libera al nuovo bacino di innevamento

Pubblicato il 3 Luglio 2018 in Infrastrutture

 

Il fabbisogno per l’innevamento artificiale delle piste da sci del complesso sciistico della Plose, che si estende per 85 ettari, è di circa 284.000 metri cubi per stagione. La società gestrice degli impianti e delle piste da sci Plose Ski Spa ha chiesto la realizzazione di un nuovo bacino per l’innevamento sulla Plose nel comune di Bressanone, che prende il nome “Woodywalk”, dal vicino sentiero avventura. Il relativo progetto il 13 giugno 2018 ha ottenuto il parere favorevole del Comitato ambientale con una serie di condizioni. La Giunta provinciale oggi 3 luglio ha fatto proprie le indicazioni del Comitato ambientale approvando la realizzazione del bacino. L’individuazione del luogo più adatto per l’infrastruttura è risultata alquanto complessa.

«Grazie ad un’azione congiunta è stato possibile individuare una soluzione accettabile sia dal punto di vista geologico che paesaggistico» ha detto il presidente della Provincia Arno Kompatscher dopo la seduta di Giunta. Senza il bacino per l’innevamento l’area sciistica non avrebbe avuto futuro. «La decisione della Giunta consente la realizzazione di un’infrastruttura di rilievo per l’area sciistica della Plose richiesta dagli imprenditori in grado di garantire neve sicura per il turismo invernale», afferma il Landeshauptmann. «L’intervento comporta un valore aggiunto per il comprensorio per il turismo, per i residenti nel tempo libero e di conseguenza un ritorno economico anche per altre branche dell’economia», prosegue Kompatscher.

«Tutte le aree interessate dalla costruzione del bacino e delle opere accessorie dovranno essere ripristinate e rinaturalizzate secondo l’identità floristica della zona», afferma l’assessore provinciale Richard Theiner che ricorda che «per l’approvvigionamento del nuovo bacino saranno utilizzate derivazioni idriche già concessionate, dalle sorgenti Erler, Schnatz e dai rii Raball e Trametsch».

Il nuovo bacino per l’innevamento dell’area sciistica della Plose sorgerà sul lato sud a quota 2.115 metri in un’area caratterizzata da un avvallamento terrazzato attraversato dal sentiero avventura Woodywalk. Sarà allestito in terra e ghiaia. Avrà una capacità idrica di 63.000 metri cubi. Per raggiungere il cantiere saranno utilizzati i sentieri esistenti attraverso Valcroce che saranno adattati al transito di mezzi pesanti. Il Comitato ambientale ha indicato le modalità di realizzazione del corpo di diga e del suo allestimento interno e esterno affinché si integri al meglio in modo naturale con l’andamento del terreno. Per il rinverdimento ha specificato che dovrà essere riutilizzato lo strato vegetale asportato e comunque impiegate sementi locali. I declivi sassosi asportati o danneggiati nel corso della costruzione del bacino dovranno essere ripristinati o sostituiti in modo equivalente.

Oltre ad imporre una cauzione di 100.000 euro la Giunta provinciale come precisato nelle prescrizioni del Comitato ambientale ha previsto quali misure di compensazione ambientale interventi fino a un importo di 70.000 euro di miglioramento degli habitat della fauna selvatica e misure di indirizzamento dei visitatori.

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211