Noi, al via i lavori del primo modulo di espansione

Pubblicato il 28 Aprile 2017 in Infrastrutture, Territorio

 

Nuovo passo in avanti per il Noi. Il percorso che porterà a breve alla nascita del parco tecnologico di Bolzano Sud ha vissuto un’importante tappa: nei giorni scorsi, infatti, l’Agenzia appalti ha assegnato i lavori per la costruzione del primo modulo di ampliamento della struttura (lotto D1). La gara europea è stata vinta dall’impresa Volcan di Ora, che ha presentato un’offerta di poco inferiore ai cinque milioni di euro. Assegnati anche i lavori per le installazioni elettriche (1.757.000 euro) all’associazione temporanea di imprese formata da Elektro Ebner Ignaz ed Elektro A. Haller, nonché quelli per gli impianti termosanitari (1.660.000 euro) alla ditta Schmidhammer, mentre a breve seguiranno quelli relativi al completamento delle facciate.

I lavori di costruzione del primo modulo di espansione del parco tecnologico Noi dovrebbero prendere il via entro la fine del mese di maggio per concludersi nel corso del 2018, consentendo così alle prime 20 aziende, tra cui Maccaferri e Senfter, di insediarsi a Bolzano Sud. «La compresenza di imprese, università e laboratori di ricerca all’interno di una stessa struttura – commenta il presidente Arno Kompatscher – rappresenta la chiave per garantire al parco tecnologico Noi di sfruttare al meglio il grande potenziale di crescita e sviluppo dell’innovazione, di rafforzare a livello internazionale la posizione della nostra economia e di creare posti di lavoro altamente qualificati».

noi_rendering

La rete fra grandi imprese, aziende di dimensioni più piccole, start-up e centri di ricerca, che rappresenta l’asse portante della strategia che sta alla base del parco tecnologico, troverà concreta applicazione proprio nel primo modulo di espansione. Qui, infatti, troverà spazio anche l’innovativa camera clima (Extreme Environment Simulator) gestita dall’Istituto per la medicina d’emergenza in montagna dell’Eurac in grado di riprodurre le situazioni climatiche più disparate. Il simulatore permette di eseguire test su materiali e componentistica per soddisfare ad esempio le richieste dell’industria degli sport invernali, ma trova applicazione anche nell’ambito della ricerca medica: gli esperti di medicina alpina potranno studiare ad esempio la relazione tra basse temperature e possibilità di sopravvivenza degli alpinisti travolti da una valanga, e il simulatore (lungo 12 metri, largo e alto 6) può essere impiegato anche per test a lungo termine.

Per quanto riguarda il resto del parco tecnologico Noi, infine, il direttore della Bls (Business Location Südtirol) Ulrich Stofner sottolinea che «i lavori per il completamento dell’edificio centrale, il cosiddetto monolite nero, dovrebbero terminare già entro l’autunno, mentre il secondo edificio centrale seguirà prima della fine dell’anno».

 

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211