Film, investimenti per 3,15 milioni nel 2020 a sostegno di 20 produzioni

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Nonostante il Covid-19, anche nel 2020 la IDM Film&Fund Commission ha potuto concludere i 3 call di finanziamento delle produzioni cinematografiche e televisive. Dei 41 progetti presentati ne sono stati approvati 20, per un finanziamento da parte della Provincia, tramite IDM Alto Adige, di circa 3,15 milioni di euro. Di queste 20 produzioni, otto arrivano dall’Alto Adige, quattro dal resto d’Italia, quattro dalla Germania, due dall’Austria e uno da Francia e Svezia. Presentando il bilancio 2020 in Giunta provinciale, l’assessore Philipp Achammer ha sottolineato che “grazie a questi progetti sosteniamo anche le aziende locali che operano in questo settore. Sono infatti state pianificate ben 163 giornate di riprese sul territorio provinciale e, grazie all’effetto Alto Adige, è atteso  un ritorno di circa 6,5 milioni di euro in virtù del fatto che le produzioni sono tenute a re-investire in Alto Adige almeno il 150% di quanto ricevono sottoforma di sostegno. Nonostante quello appena trascorso sia stato un anno particolarmente difficile – ha spiegato Achammer – i film che abbiamo sostenuto hanno partecipato con successo a numerosi festival locali, nazionali e internazionali”.

Dal 2020 il sostegno ai film gestito da IDM Alto Adige

Come noto, proprio all’inizio del 2020 la Giunta provinciale ha trasferito a IDM Alto Adige tutte le attività di sostegno a produzioni cinematografiche e televisive, “contribuendo a rendere tutto l’iter procedurale più chiaro e snello”, aggiunge l’assessore. Ogni anno la IDM Film&Fund Commission organizza 3 call di finanziamento, e proprio a partire dal 2020 la Giunta provinciale ha rivisto alcuni dei criteri per il sostegno. “E’ stato previsto un binario aggiuntivo per quanto riguarda il finanziamento dei “corti”, sia sottoforma di film che di serie – spiega Philipp Achammer – e tra i parametri a cui dare peso sono stati inseriti la sostenibilità e le pari opportunità”.

Premi e riconoscimenti ottenuti nel 2020

Per quanto riguarda i traguardi raggiunti nel 2020, da sottolineare che il Lago di Resia è stato in lizza per l’assegnazione del premio come miglior location cinematografica europea grazie alla serie “Curon“, trasmessa dalla piattaforma Netflix in ben 190 paesi del mondo. Alla Berlinale, inoltre, sono stati proiettati quattro film girati in Provincia di Bolzano e sostenuti dalla IDM Film&Fund Commission: si tratta di “Siberia” di Abel Ferrara, di “Volevo nascondermi” di Giorgio Diritti (entrambi in concorso al Festival di Berlino), di “Faith” della ex studentessa della Zelig Valentina Pedicini, e di “Sole” di Carlo Sironi. Da segnalare, inoltre, che “Abbi fede”, co-produzione italo-austriaca con il coinvolgimento dell’altoatesina Greif Production, è stato in concorso ai David di Donatello, che Carlo Sironi ha vinto il premio European Discovery 2020 con la sua opera prima “Sole”, e che il film di debutto della regista bolzanina Evi Romen, intitolato “Hochwald”, è stato premiato al Film Festival di Zurigo. Riconoscimenti anche per “Von mir der Süden” di Pepe Danquart al Los Angeles Documentary Festival, nonché per il documentario “Amate sponde” e la serie “Fabula” di Lorenzo Puntoni al MIA (Mercato internazionale dell’audiovisivo). Il documentario “Luca+Silvana” del regista bolzanino Stefano Lisci, infine, è stato proiettato al festival internazionale di Amsterdam IDFA.

Ti potrebbe interessare