Export, parte da Bolzano la digitalizzazione dei documenti

Pubblicato il 25 Ottobre 2017 in Imprese, Territorio

 

La Camera di commercio di Bolzano è la prima in Italia a digitalizzare tutto il processo di emissione dei certificati d’origine e delle fatture export. Dal 2018, dopo la conclusione della fase di prova, sarà possibile inviare la domanda, effettuare il pagamento e ricevere il documento timbrato direttamente nell’impresa. Il reparto Documenti per il commercio estero della Camera di commercio di Bolzano si occupa dell’emissione dei certificati di origine, dei carnet ATA e dell’apposizione dei visti sui vari documenti commerciali delle imprese altoatesine che esportano.

Negli ultimi anni il servizio per le imprese esportatrici è stato ottimizzato e accelerato grazie ai vari processi di digitalizzazione. Nel 2016 quasi due terzi degli 11.200 certificati d’origine e circa la metà dei 25.800 visti sono stati richiesti alla Camera di commercio per via telematica. Recentemente la Camera di commercio di Bolzano ha avviato, in collaborazione con le imprese altoatesine A. Loacker S.p.A. e Spedition Brigl S.p.A., una fase di prova della durata di circa tre mesi per la digitalizzazione di altri processi. Finora era possibile inoltrare telematicamente i documenti per il commercio estero e i certificati d’origine grazie al programma WebCo, pagando con carta di credito. Tuttavia, il documento timbrato a mano doveva ancora essere ritirato fisicamente presso la Camera di commercio.

Ora il processo è stato completamente digitalizzato: alle due imprese i certificati d’origine e le fatture export, elaborati e approvati dalla Camera di commercio, vengono restituiti digitalmente, in modo da poterli stampare direttamente in azienda. La Spedition Brigl S.p.A. ha presentato nel 2016 complessivamente 6.822 richieste, la A. Loacker S.p.A. 4.030. Il servizio telematico ha comportato un enorme risparmio di tempo per le aziende, rappresentando anche un passo importante verso la digitalizzazione. Dopo la fase di prova la Camera di commercio di Bolzano sarà la prima in Italia a offrire un simile servizio alle imprese a partire dal 2018.

«L’obiettivo della Camera di commercio è di elaborare telematicamente almeno il 90 percento delle richieste relative a documenti per il commercio estero, come del resto succede già in Austria e in Germania. A livello nazionale l’Alto Adige ricopre già ora un ruolo di avanguardia in questo campo: un vantaggio che vorremmo ampliare ulteriormente a favore delle nostre imprese», spiega Alfred Aberer, Segretario generale della Camera di commercio di Bolzano.



Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211