Tornano gli eTestDays: auto elettriche in prova per oltre 60 aziende

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Nel mese di maggio l’economia altoatesina torna all’elettrico. 300 aziende hanno avanzato una candidatura per prendere parte all’iniziativa eTestDays: tra queste, 67 potranno adesso provare per quattro giorni un’autovettura elettrica e convincersi dell’idoneità all’uso di tutti i giorni e dei vantaggi dei veicoli a zero emissioni.

Le prime aziende hanno ricevuto oggi (6 maggio) in piazza Walther, a Bolzano, le simboliche chiavi delle “loro” auto elettriche. Erano presenti l’assessore provinciale alla mobilità, Daniel Alfreider, Harald Reiterer, direttore del settore Green Mobility della società provinciale STA – Strutture Trasporto Alto Adige SpA, Massimo Minighini, della Neogy Srl ed i rappresentanti delle associazioni imprenditoriali che hanno preso parte all’iniziativa.

Quest’anno per la prima volta anche i furgoni elettrici

Il trend della mobilità elettrica è molto chiaramente in crescita. “Soprattutto i privati decidono sempre più spesso di acquistare un veicolo ad emissioni zero. Il 12,4% delle auto vendute nel 2021 erano elettriche”, ha spiegato l’assessore provinciale Alfreider. Per creare ulteriore interesse in merito alla mobilità sostenibile e pulita anche nel mondo imprenditoriale, in occasione degli eTestDays quest’anno sono a disposizione anche furgoni elettrici. “Questi furgoni elettrici hanno una potenza fino a 85 kW, una portata che raggiunge la tonnellata ed un’autonomia di circa 150 chilometri”, ha detto ancora Alfreider. Così sono una buona alternativa per aziende ed imprese.

L’iniziativa eTestDays

L’arco temporale degli eTestDays, in occasione dei quali vengono messi a disposizione gratuitamente 15 veicoli alimentati a batterie o a idrogeno, è complessivamente di 21 giorni. “Abbiamo fatto attenzione a distribuire possibilmente i veicoli a imprese di tutti i settori, di tutte le dimensioni e di tutti i comprensori della Provincia”, ha chiarito Reiterer. La partecipazione è gratuita. Solo i costi dell’energia elettrica per la ricarica devono essere sostenuti dagli imprenditori. Durante il periodo dell’iniziativa Alperia mette a disposizione, come negli anni passati, carte clienti gratuite per le stazioni di ricarica pubbliche. I veicoli a celle a combustibile, invece, possono essere riforniti gratuitamente alla stazione di servizio H2 al Centro idrogeno di Bolzano Sud.

Per una strada più pulita verso il futuro, ha spiegato anche Minighini, Alperia e la sua società affiliata Neogy si sono impegnate, su incarico della Provincia e della STA, a realizzare le ultime di 33 stazioni di ricarica veloce lungo le strade principali di tutti i comprensori dell’Alto Adige. L’obiettivo è dare impulso alla mobilità elettrica con una rete più fitta possibile di stazioni di ricarica.

Ti potrebbe interessare