Covid, impatto pesante sulle imprese altoatesine: fatturati calati in media del 23%

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

La pandemia di Coronavirus ha inciso pesantemente sull’economia altoatesina. Ciò è confermato da una recente analisi condotta dall’IRE – Istituto di ricerca economica della Camera di commercio di Bolzano sui bilanci presentati dalle imprese di maggiori dimensioni comprese nelle classifiche “Top 100”, che testimonia un calo del valore della produzione tra il 2019 e il 2020 pari in media all’8,6 percento. Considerando l’intera economia altoatesina, gli effetti sono però ancora più gravi: la rilevazione congiunturale del Barometro dell’economia IRE indica come nel 2020 le imprese altoatesine abbiano registrato una diminuzione dei fatturati pari in media al 23%.

La rilevazione congiunturale del Barometro dell’economia IRE ha permesso di monitorare in tempo reale i danni provocati dalla crisi economica deflagrata a seguito della pandemia di Coronavirus in Alto Adige. Complessivamente, oltre un terzo degli imprenditori e delle imprenditrici si sono dichiarati insoddisfatti della redditività conseguita nel 2020. L’analisi conferma il forte impatto che la crisi ha avuto sul valore aggiunto e sul valore della produzione, diminuiti rispettivamente dell’11,5 e dell’8,6% tra il 2019 e il 2020. Il calo delle ore di lavoro prestate trova riscontro anche nei costi del personale, ridottisi del 6,9%.

Oltre al turismo, ai comprensori sciistici, ai servizi alla persona e agli organizzatori di eventi, la crisi ha colpito in maniera particolarmente dura il trasporto passeggeri, i comparti dell’energia e del commercio di veicoli, nonché la produzione di componenti per l’industria automobilistica e quella alimentare.

Ti potrebbe interessare