Menu

Consiglio Euregio al Brennero: un altro forte no alla chiusura

Pubblicato il 29 marzo 2016 in Infrastrutture, Territorio

brennero  

Il consiglio Euregio riunito proprio al confine di Stato del Brennero, nel luogo che è al centro dei discorsi internazionali. Dopo le tante prese di posizione per non inasprire i controlli, così come si sta accingendo a fare l’Austria (qua gli appelli contro la chiusura), proprio al Brennero si sono incontrati questa mattina, martedì, in maniera informale i capigruppo delle assemblee legislative di Trento, Bolzano e Innsbruck, come era stato concordato a Trento il 1° marzo scorso dalla Commissione interregionale del Dreier Landtag.

E’ stato infine elaborato dal consiglio Euregio un testo base per una mozione che verrà sottoposta all’assemblea congiunta plenaria del 21 aprile prossimo, a Trento. Si tratta di impegnare i tre territori sul delicato tema dell’immigrazione, dei profughi e del ripristino di controlli disposto dall’Austria al Brennero (che è un confine interno per il  perimetro dell’Euregio).

Il presidente trentino Bruno Dorigatti, che ha presieduto l’incontro, ha sospeso i lavori dopo una prima serie di interventi. E assieme ai colleghi Thomas Widmann di Bolzano ed Herwig Van Staa di Innsbruck, ha lavorato alla stesura del documento, tenendo conto soprattutto degli emendamenti alla prima bozza, proposti poco prima da Dieter Steger, il capogruppo Svp altoatesino. Il documento condiviso dalla maggioranza dei capigruppo lamenta la scarsa solidarietà manifestata finora dagli Stati membri dell’Ue riguardo a un’equa suddivisione dei profughi che entrano in Europa. Si definisce necessaria la costituzione di hot spot per la registrazione dei profughi, si chiede all’Ue la tutela dell’Accordo di Schengen, si ricorda la delicatezza anche simbolica del confine di Brennero, si chiede il coinvolgimento del livello regionale nelle politiche Ue sulla gestione dei profughi e dei confini statali, si invoca un progetto comune e durevole a livello europeo e l’elaborazione di standard sociali comuni negli Stati in base al Pil di ogni Paese. Si ribadisce anche la disponibilità ad accogliere i profughi in modo adeguato dentro l’Euregio.

Il testo così concordato rimane aperto ad aggiunte e correzioni. I singoli consiglieri dell’Euregio potranno avanzare proposte, che verranno valutate il 20 aprile dai capigruppo del Dreier Landtag ed eventualmente portate al voto dell’assemblea il giorno successivo.

La riunione di stamane si è aperta con un minuto di silenzio per le vittime dell’ultimo attentato in Pakistan. Ha poi portato un saluto il sindaco del Comune di Brennero, Franz Kompatscher, che ha espresso il desiderio che questo luogo sia simbolo d’incontro, senza chiusure e frontiere, punto di partenza verso il futuro di un’Europa e di un Tirolo – ha detto – “come li immaginiamo noi”.

Diversi gli interventi dei capigruppo del consiglio Euregio presenti. Sven Knoll  (Suedtiroler Freiheit – Bolzano) ha letto e proposto un proprio testo alternativo di mozione urgente per il Dreier Landtag.

Maurizio Fugatti (Lega Nord Trentino) ha preso le distanze dal documento della maggioranza, perché ad esempio non distingue tra reali rifugiati di guerra e migranti economici. Ancora: perché manca in esso la richiesta di una gestione meno permissivista della massa di profughi.

Anche Rodolfo Borga (Civica Trentina) ha escluso di sottoscrivere il testo proposto, perché contiene alcune contraddizioni. Ad esempio – ha detto – laddove invita l’Ue e il Governo a difendere il confine esterno europeo, pur sapendo che l’Europa ha lasciato sempre sola l’Italia di fronte all’afflusso di immigrati sulle proprie coste. Manca pure l’indicazione delle cause che hanno mosso i recenti flussi migratori, ossia le insensate guerre scatenate in Siria e in Libia. Troppo generico il termine profughi, infine, visto che il 96% di quelli presenti in Trentino non hanno i requisiti per essere considerati rifugiati.

Hans Lindenberger (vorwaerts Tirol – Innsbruck) ha ammonito tutti a non fare un passo indietro rispetto alla riunione d’inizio mese a Trento: si deve trovare un compromesso – ha auspicato – con realismo rispetto alle nostre competenze regionali. Non bisogna fare brutta figura, insomma, dividendoci a livello di Dreier Landtag.  Stessa istanza da parte di Isabella Gruber (Buergerforum Tirol – Innsbruck), che ha chiesto un documento lineare, sostanzialmente per dire no alle barriere di confine.

 

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

Facebook

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211