Brennero, ripresi i controlli sanitari per chi entra in Austria. C'è anche l'esercito

Andreas Inama
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Ieri l’annuncio, oggi i fatti: dopo l’annuncio di ieri da parte di Günther Platter, governatore del Bundesland austriaco del Tirol, nel primo pomeriggio di oggi 18 agosto sono iniziati i nuovi controlli al Brennero. Col supporto delle forze armate e della polizia austriache sono ripresi al confine i controlli sanitari sui viaggiatori che rientrano in Austria dalle regioni a rischio dei Balcani.

Iscriviti al canale Telegram!  👉🏻  https://t.me/altoadigeinnovazione

Seguici su Facebook 👉🏻  https://www.facebook.com/altoadigeinnovazione/

Seguici su Linkedin 👉🏻  https://www.linkedin.com/company/alto-adige-innovazione/

L’intensificazione dei controlli sanitari è stata decisa per prevenire i rimpatri dai Balcani attraverso il Tirolo che aggirano i controlli alla frontiera in Burgenland, Stiria e Carinzia, anche a causa dello sviluppo del contagio da coronavirus Oltrebrennero.

Solo negli ultimi giorni, si sono registrati in Tirolo almeno 20 test positivi al coronavirus, direttamente o indirettamente legati a un soggiorno in Croazia. In totale, fino al 50% delle nuove infezioni registrate nelle ultime settimane in tutta l’Austria erano legate a viaggiatori di ritorno da Paesi a rischio dei Balcani.

“Dobbiamo reagire rapidamente e in modo appropriato agli sviluppi del numero di infezioni. Vogliamo continuare la nostra strategia di contenimento dei virus in Tirolo con maggiori controlli al Brennero”, ha detto il governatore tirolese Günther Platter.

Ti potrebbe interessare