Menu

Banda larga, finanziamenti per 16,5 milioni in tre anni

Pubblicato il 6 Febbraio 2018 in Innovazione, Territorio

banda larga  

Sempre più banda larga in Alto Adige. Ammontano a 16,5 milioni di euro gli stanziamenti previsti nel prossimo triennio per i lavori di ampliamento della rete: 6,5 milioni nel 2018, 5 nel 2019, altri 5 nel 2020. Il 6 febbraio la Giunta provinciale ha approvato il programma elaborato dall’Ufficio infrastrutture per le telecomunicazioni che prevede una serie di opere per portare la fibra ottica non solo nei centri principali del territorio altoatesino, ma anche nelle zone più periferiche. «L’obiettivo è quello di garantire una copertura capillare del territorio – ha spiegato il presidente Arno Kompatscher – per fare in modo che famiglie e imprese abbiano accesso a connessioni internet ad alta velocità».

La strategia della Provincia non si ferma ai lavori di sua competenza (posa della fibra ottica lungo le dorsali e attivazione dei PoP), ma punta a connettere gli edifici pubblici e a sostenere i comuni nella questione dell’ultimo miglio tramite il fondo di rotazione. «Rispetto al resto d’Italia – ha aggiunto Kompatscher – abbiamo ottenuto che la società che si occupa della gestione della rete sia provinciale anziché statale, un vantaggio per aziende e famiglie in quanto potrà essere più semplice trovare dei provider in grado di garantire la copertura del servizio di internet ad alta velocità anche in zone meno attraenti dal punto di vista economico».

Banda larga, 33 progetti in fase di attuazione

Entrando nei dettagli del programma sulla banda larga, sono 33 i progetti in fase di attuazione, parte dei quali sono stati finanziati con il bilancio del 2017. Per quanto riguarda il triennio appena iniziato, invece, sono già partiti 12 progetti, 6 dei quali si concluderanno entro l’estate: il più importante riguarda il potenziamento dello snodo principale di Bolzano. La capacità del PoP del capoluogo, che prima era di proprietà di Brennercom e che ora è passato alla società provinciale Infranet, verrà incrementata per consentire non solo prestazioni migliori sui collegamenti internet ad alta velocità, ma anche per ridurre i rischi e i disagi in caso di malfunzionamento. Altri lavori la cui fine è prevista nei prossimi mesi, invece, riguardano Salorno, Prissiano, Senale – San Felice, Certosa-Vernago e le aree adiacenti la linea ferroviaria Merano-Malles, dove è previsto un potenziamento della fibra ottica.

Proseguono i lavori di posa della fibra ottica in Val d’Ega tra Ponte Nova, Nova Levante, Carezza, Ega ed Obereggen, e ancora per i collegamenti San Genesio-Avigna, Salorno-Cortina ed Egna-Laghetti. In fase di pianificazione, invece, gli interventi per i collegamenti Ponte Campiglio-Colma, Bressanone-Chiusa, Passo Gardena-Colfosco e Laimburg-Vadena, con i bandi che verranno pubblicati a breve. Di particolare importanza, inoltre, i 22 progetti avviati (sui 33 totali) che vedono una cooperazione tra la Provincia, i Comuni e le società energetiche, e che consentono di sfruttare al meglio le sinergie per quanto riguarda i lavori di scavo e posa della fibra. In totale, infine, i progetti la cui pianificazione dovrebbe partire nel 2018 risultano essere 113.

 

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

Facebook

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211