Attitudine digitale, le imprese del Trentino-Alto Adige prime in Italia

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Il Trentino-Alto Adige è la regione italiana con la più alta attitudine al digitale d’Italia tra le imprese. A rivelarlo è un’indagine di CRIBIS, società specializzata nelle informazioni commerciali su aziende italiane ed estere, che ha analizzato l’“attitudine digitale” delle aziende italiane in base a una serie di parametri di valutazione: gli investimenti in digital marketing e trasformazione digitale, quanto e come l’impresa utilizza il canale internet per il proprio business, l’efficacia del sito e delle attività di e-commerce.

In base all’analisi di CRIBIS, il Trentino – Alto Adige è la regione con la percentuale più elevata (8,4%) di aziende più vocate al “digitale” sul totale delle imprese del territorio, seguita da Veneto (7,6%), Friuli–Venezia Giulia e Lombardia (a pari merito con 7,4%), Emilia – Romagna (7,1%) e Valle d’Aosta (6,9%). Agli ultimi posti della classifica la Calabria (2,6%), preceduta da Molise (2,8%) e Basilicata (3,2). La Lombardia invece è la prima regione per numero di imprese ad alto tasso di innovazione (13,1%). A livello provinciale, Trento e Rimini, entrambe con il 9,1%, detengono il primato per quanto riguarda la vocazione digitale. Alle loro spalle Lecco (8,8%), Vicenza (8,5%), Bologna (8,3%) e Padova (8,2%). Fanalino di coda Crotone con l’1,7%, preceduta da Enna (2,2%), Sud Sardegna (2,3%) e Reggio Calabria, Foggia, Caltanissetta, Caserta, Nuoro (2,4%).

Per stabilire il livello di innovazione delle imprese CRIBIS ha preso in considerazione diversi criteri: dallo sviluppo di brevetti innovativi all’approccio smart al business, dagli investimenti in ricerca e sviluppo all’attività di export. Ne emerge un identikit di aziende giovani e situate al Nord. Il 63% delle imprese, infatti, è stato fondato dopo il 2000, mentre il 65,1% ha sede al Nord, come conferma la classifica regionale, che vede in prima posizione la Lombardia (13,1%), seguita da Trentino – Alto Adige (9,9%) e Veneto 9,4%. Ai piedi del podio il Lazio (8,3%), che precede di misura l’Emilia – Romagna (8,2%), mentre Calabria (1,9%), Molise (2,2%) e, ex aequo, Sicilia e Basilicata (2,6%) sono le regioni con la più bassa concentrazione di aziende innovative.

Ti potrebbe interessare