Menu

VIDEO Biobanca di Bolzano, De Grandi (Eurac): “Qui ricerca ad alto livello”

Pubblicato il 4 Dicembre 2015 in Culture, Innovazione

Alessandro De Grandi  

Alessandro De Grandi, ricercatore di Eurac, parla della più grande biobanca dell’Alto Adige, inaugurata lunedì 14 dicembre 2015 all’Ospedale di Bolzano.

Sono circa 600.000 i primi campioni — tra sangue, urine e DNA — raccolti nella biobanca nata dalla collaborazione fra il Centro di biomedicina dell’EURAC e l’Azienda Sanitaria. Una superficie di 230 m2 che potrà ospitare un patrimonio consistente di materiale biologico umano e dei relativi dati clinici. Una fotografia dello stato di salute della popolazione altoatesina, che sarà fondamento per nuove ricerche scientifiche volte a migliorare il trattamento medico.

«I campioni saranno conservati a temperature di -106 gradi in criocongelatori appositi e secondo standard elevati – spiega Alessandro De Grandi -, che permettono di attuare ricerche ad alto livello e di varare progetti in collaborazione sempre con l’Azienda, per ricerca nell’ambito della salute pubblica».

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

Facebook

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211