Menu

Serramenti solari, la Cna: «No alla riduzione dell’incentivo al 50%»

Pubblicato il 31 ottobre 2017 in Imprese, Territorio

serramenti solari  

«Ridurre dal 65 al 50% il bonus per la riqualificazione energetica degli edifici avrebbe due gravi conseguenze: vanificare gli sforzi già compiuti nel percorso dell’Italia verso il raggiungimento degli obiettivi di riduzione delle emissioni di gas serra fissati per il 2020 e infliggere un colpo durissimo alle imprese italiane che, anche negli anni della crisi, hanno investito per migliorare le proprie prestazioni». È quanto sostiene Cna del Trentino Alto Adige.

«A rischio oltre 1500 posti di lavoro»

«Si rischia di bruciare oltre 1500 posti di lavoro e ridurre il fatturato complessivo del settore tra i 250 e i 300 milioni di euro – proseguono Cna-Shv dell’Alto Adige e Cna del Trentino -. Chiediamo, pertanto, la conferma dell’attuale aliquota del bonus al 65% per serramenti e schermature solari. E’ impensabile, infatti, che vengano penalizzati i componenti che nel decennio di bonus fiscali hanno rappresentato la quota più significativa di apporto al risparmio energetico degli edifici. Le imprese italiane dei serramenti e delle vetrazioni chiedono, anzi, di alzare l’asticella dell’innovazione e della competitività inserendo fra i requisiti chiesti per il bonus al 65% la classe di permeabilità all’aria e l’esecuzione a regola d’arte della posa in opera che rappresenterebbero nuovi e più qualificanti elementi nell’impegno a ridurre le dispersioni energetiche del patrimonio edilizio nazionale».

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

Facebook

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211