Merano, prove di smart city. I lampioni della luce diventano «intelligenti»

Pubblicato il 15 Marzo 2017 in Innovazione, Territorio

monete antiche  

Lunedì 20 marzo inizieranno in via Wolf – nel tratto compreso fra via Bellini e via Mozart, i lavori di rinnovo della infrastrutture e di risanamento dei marciapiedi e della sede stradale. Nel corso dei diversi interventi l’Amministrazione comunale intende applicare nuove tecnologie per far diventare il tratto di strada il primo modello di smart city. Lo hanno annunciato oggi il sindaco Paul Rösch e l’assessore all’innovazione Diego Zanella.

«Vogliamo realizzare, passo dopo passo, la nostra visione di una città sostenibile e in grado di offrire un’alta qualità di vita. A lunga scadenza, tutti questi piccoli provvedimenti produrranno grandi benefici», ha esordito il sindaco Rösch.

L’assessore Zanella ha poi spiegato nel dettaglio i lavori previsti in via Wolf. «Il progetto prevede in sostanza la sostituzione e l’ampliamento delle tubature dell’acqua potabile, la posa di una nuova conduttura per la raccolta dell’acqua piovana, l’ampliamento della rete del teleriscaldamento, il rinnovo degli impianti di illuminazione pubblica, la riasfaltatura dei marciapiedi e della strada. Sfruttando questi interventi verranno posate anche le infrastrutture necessarie al futuro collegamento delle abitazioni alla fibra ottica. In questo modo si creeranno le premesse per dotare le case confinanti di un proprio accesso alla banda larga in modalità FTTH (Fiber to the Home) che consentirà, quando operativa, di raggiungere le massime performance di trasmissione».

Contestualmente verranno predisposte anche le infrastrutture per raggiungere con la fibra ottica alcuni lampioni della illuminazione pubblica, che diverranno così “pali intelligenti”, ovvero in grado di ospitare sistemi di videosorveglianza, di informazione pubblica e sensori dedicati al monitoraggio delle variabili meteo e ambientali. «Tutti i pali della luce – ha poi proseguito Zanella – verranno dotati di tecnologia LED e di un sistema di attuazione e telecontrollo che consentiranno di regolare l’intensità della luce in relazione alle condizioni meteo e del traffico».

Il progetto realizzato in via Wolf servirà poi da modello per attrezzare allo stesso modo altre vie cittadine avvicinando Merano al modello Smart City e limitando al minimo i futuri interventi di scavo. In quest’ottica il Comune di Merano e Alperia invitano tutte le cittadine e tutti i cittadini che non sono ancora collegati alla rete del teleriscaldamento a contattare Alperia per informarsi sui vantaggi di questa nuova forma di riscaldamento e sulle possibilità di allacciamento.

I lavori sono stati suddivisi in quattro fasi:

•        dal 20 marzo al 9 maggio si lavorerà nel tratto compreso fra l’incrocio con via Bellini e l’incrocio con via San Francesco (49 giorni consecutivi);

•        dal 10 maggio al 20 giugno gli interventi interesseranno invece il tratto di via Wolf compreso fra l’incrocio con via San Francesco e l’incrocio con via Donizetti (42 giorni consecutivi);

•        dal 21 giugno all’11 agosto il cantiere si sposterà nel tratto fra l’incrocio con via Donizetti e l’incrocio con via Mozart (54 giorni consecutivi);

•        via Bellini (35 giorni consecutivi) – Poiché i lavori in via Wolf dovranno essere terminati prima dell’inizio del nuovo anno scolastico, l’intervento in via Bellini verrà effettuato in modo flessibile, a seconda dello stato di avanzamento dei lavori negli altri tratti.

Nei tratti di strada interessati dal cantiere verrà introdotto il divieto di transito, l’accesso ai frontisti sarà garantito a seconda dello stato di avanzamento dei lavori.

Deviazione dei bus SAD

A partire dal lunedì 20 marzo e fino al termine dei lavori gli autobus della SAD non raggiungeranno più il centro scolastico di via Wolf. I servizi interessati in arrivo a Merano transiteranno per via Goethe, via Laurin e la stazione ferroviaria osservando le normali fermate di linea. I servizi invece in partenza da Merano (centro Scolastico) verso la val Passiria inizieranno le corse dalla fermata “Vecchio Ospedale” cinque minuti dopo l’orario di partenza previsto da via Wolf.

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211