Pericolo incendi, l'appello della Provincia ai cittadini: «Evitate comportamenti pericolosi»

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Per tutta la giornata di mercoledì, una ventina di membri dei Vigili del Fuoco volontari di Bolzano e Gries e del Corpo permanente sono stati impegnati per spegnere gli ultimi focolai sul Monte Tondo, a Bolzano, riferisce l’ispettore antincendio del Vigili del Fuoco del Corpo permanente di Bolzano Felix Reggiani: “L’elicottero antincendio ha trasportato più volte acqua dal Talvera sul luogo dell’incendio. Le squadre di terra sono rimaste in allerta per tutto il giorno. Il monitoraggio continuerà per diversi giorni”, spiega ancora Reggiani.

“Mentre negli ultimi vent’anni registravamo mediamente 20 incendi boschivi all’anno, quest’anno se ne sono verificati già più di 40”, commenta preoccupato l’assessore provinciale alle Foreste Arnold Schuler: “In alcune zone della provincia il pericolo d’incendi boschivi è estremamente alto perché la pioggia non cade da molto tempo e quindi il terreno è spesso secco. Il risultato può essere quello di incendi boschivi che danneggiano gli ecosistemi forestali, il recupero dei quali richiede diversi anni”.

Negli scorsi giorni ben cinque incendi boschivi hanno richiesto interventi di spegnimento sui versanti intorno a Bolzano. Poiché si sta valutando anche l’ipotesi di incendio doloso, l’assessore provinciale Schuler lancia un appello a tutti i cittadini: “Un quarto degli incendi boschivi di quest’anno sono stati probabilmente causati da mozziconi di sigaretta. Qualsiasi comportamento rischioso che possa causare un incendio boschivo deve essere evitato a tutti i costi”. Il rapporto sulla situazione di allerta del Centro funzionale provinciale dell’Agenzia per la Protezione civile segnala da diverse settimane l’aumento del rischio di incendi boschivi: l’autorità forestale classifica il rischio potenziale di incendio boschivo a livello provinciale con il livello di allerta giallo.

Ti potrebbe interessare