«Il mondo non basta», mostra fotografica sulla convivenza uomo-natura

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Il Centro visite del Parco naturale Fanes-Senes-Braies ospiterà fino alla fine di ottobre 2021 la mostra “Il mondo non basta” con oltre 40 opere fotografiche a cura di Fabian Haspinger riguardanti il tema della convivenza uomo-natura. Nei suoi scatti l’artista ritrae i paesaggi naturali del mondo alpino trasformati dall’azione dell’uomo: piattaforme panoramiche sulle cime, percorsi divertimento attraverso i boschi, installazioni spettacolari e veicoli in quota. “Quando, ad occhi aperti, mi muovo all’interno della nostra regione, plasmata dal turismo, penso che il mondo non basti, perché non ci accontentiamo della bellezza della natura, vogliamo intervenire, abbellire, espandere, spiegare e migliorare – sottolinea Haspinger – In alta montagna, su altipiani, nei pressi di laghi alpini e nei parchi naturali dell’Alto Adige, ho scoperto oggetti creati dalle mani dell’uomo, depositati in questo meraviglioso paesaggio. Quelle che a prima vista sembrano essere installazioni artistiche, diventa presto chiaro che in realtà sono strumenti di intrattenimento per i visitatori”.

La mostra invita a riflettere sul fatto che per l’uomo la dimensione naturale del mondo in cui vive sembra spesso essere insufficiente e per tal ragione tende a plasmarla e trasformarla a suo piacimento. “L’esposizione è un invito alla riflessione sia per i residenti che per i turisti. Gli abitanti si sentono obbligati a offrire ai turisti sempre qualcosa di nuovo, e i turisti chiedono novità. In tal modo consumiamo la nostra terra e il mondo correndo sempre più dietro a desideri e richieste crescenti. Sono convinta che la vera sfida sia mantenere l’autenticità in equilibrio con la natura”, spiega l’assessora provinciale alla natura e paesaggio e sviluppo del territorio Maria Hochgruber Kuenzer.

Ti potrebbe interessare