«Brain-Computer-Interface», una tecnologia per leggere i pensieri dei pazienti colpiti da ictus

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Al reparto di Neuroriabilitazione dell’Ospedale di Vipiteno è partito un progetto straordinario. L’obiettivo: insegnare ai pazienti colpiti da ictus a muoversi con l’ausilio della tecnologia Brain-Computer-Interface. Il progetto del reparto di Neuroriabilitazione dell’ospedale di Vipiteno, unico per l’Alto Adige, si chiama “Studio sull’elettrostimolazione funzionale supportata dalla tecnologia di Brain-Computer-Interface per la riabilitazione degli arti superiori dei pazienti con ictus cronico”.

L’obiettivo della tecnologia Brain-Computer-Interface (BCI) nella neuroriabilitazione motoria è quello di “leggere” nei segnali elettrici di attività cerebrale (EEG) del paziente colpito da ictus l’intenzione di voler muovere il braccio paralizzato e di far eseguire questo movimento immaginato attraverso un aiuto robotici. Questa tecnica, che è disponibile solo in pochi centri al mondo, ha dimostrato di essere in grado di supportare la neuroplasticità e il recupero clinico quando viene applicata ripetutamente. Se i sistemi BCI non possono leggere la mente di una persona, sulla base dei segnali inviati possono comunque rilevarne le intenzioni, come la volontà di andare a destra o sinistra, di muoversi o fermarsi, di affermare o negare.

La scorsa settimana, nell’arco di cinque giornate, terapisti e tecnici di neurofisiologia del reparto di Neuroriabilitazione di Vipiteno sono stati formati per essere in grado di utilizzare questa innovativa tecnologia. Per questa formazione erano presenti esperti delle principali università tecnologiche del mondo, in particolare dell’École Polytechnique Fédérale de Lausanne (EPFL, Svizzera) e della University of Essex (Regno Unito). Nel contesto del progetto, per un periodo di tre settimane i pazienti vengono trattati quotidianamente con la tecnologia di Brain-Computer-Interface. L’obiettivo è quella di riuscire a leggere l’intenzione del paziente di muoversi per mezzo di un elettroencefalogramma (EEG) e quindi attivare gli stimolatori elettrici sul braccio nonché sull’ortesi della mano robotica e quindi riuscire a raggiungere, afferrare o rilasciare oggetti. L’intento è quello di attivare nuovi circuiti neurali nel cervello delle persone colpite da ictus, che potranno così riacquisire almeno parzialmente le funzioni perse a causa delle lesioni al tessuto cerebrale.

“L’ampliamento della ricerca e l’innovazione vanno avanti all’interno dell’Azienda sanitaria dell’Alto Adige. Il progetto presentato oggi mostra la direzione verso cui vogliamo muoverci, perché è lungimirante, innovativo, con una rete internazionale e con un beneficio che andrà a vantaggio dei nostri e delle nostre pazienti”, spiega Florian Zerzer, Direttore generale dell’Azienda sanitaria dell’Alto Adige.

Ti potrebbe interessare