Formazione professionale: ridotta a un mese la durata minima dei tirocini

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

In futuro, i tirocini di formazione e di orientamento offerti dalle direzioni provinciali della formazione professionale dureranno un mese, rispetto ai due previsti in precedenza. La Giunta provinciale ha definito i nuovi criteri, su proposta degli assessori Philipp Achammer e Giuliano Vettorato e degli intendenti scolastici Gustav Tschenett e Vincenzo Gullotta. Via libera dunque alla modifica delle Linee guida per i tirocini formativi e di orientamento, approvata dall’Esecutivo il 18 dicembre 2018.

“La pandemia di Coronavirus ci ha mostrato quanto velocemente si può perdere un lavoro – sottolinea l’assessore provinciale Philipp Achammer – Il nostro obiettivo è quello di reintegrare i lavoratori che hanno perso il loro lavoro nel mercato del lavoro il più rapidamente possibile e di fornire loro un nuovo rapporto di lavoro. Un modo per raggiungere quest’obiettivo è attraverso gli stage: ridurre la durata dei tirocini ha quindi senso dal punto di vista del mercato del lavoro e sociale”. “Si tratta di un passaggio essenziale – sottolinea l’assessore provinciale Giuliano Vettorato – in tempi come questi nei quali tante persone che non hanno un’occupazione hanno necessità di tornare più velocemente al lavoro”.

I tirocini di formazione e orientamento sono rivolti a persone che cercano un’occupazione sul mercato del lavoro, oltre a studenti e studentesse alla prima esperienza lavorativa. L’azienda ospitante stipula un accordo non solo con il tirocinante, ma anche con la Direzione provinciale per l’istruzione e la formazione professionale. La Provincia provvede a versare una piccola retribuzione ai tirocinanti, i contributi alle aziende ospitanti e a farsi carico di eventuali spese assicurative.

Ti potrebbe interessare