Condizionatori, ecco cosa fare per evitare guasti

Pubblicato il 30 Giugno 2017 in Imprese, Territorio

Condizionatori  

I telefoni dei frigoristi altoatesini stanno squillando senza sosta negli ultimi giorni, complici i numerosi guasti ai condizionatori tipici del periodo. Anche in Alto Adige la costante ondata di caldo negli ultimi anni ha portato ad un aumento nell’installazione degli impianti. La presidente dei Frigoristi lvh.apa Heidi Röhler ha spiegato a cosa prestare attenzione per evitare guasti.

«Chi non vuole correre questo pericolo, dovrebbe far controllare regolarmente il proprio impianto dagli esperti del settore – ha spiegato la presidente dei Frigoristi lvh.apa Heidi Röhler -. In questo modo si evita il rischio che al momento dell’accensione le apparecchiature non funzionino. I problemi possono venire riconosciuti e trattati per tempo. Gli impianti da lavoro, che vengono usati con più elevata intensità, necessitano naturalmente di un controllo maggiore rispetto a quelli privati». I controlli si svolgono con un metodo costante: viene testata la pulizia dei filtri, poi si controllano l’acqua di condensazione ed il corretto funzionamento dell’apparecchio. Anche l’umidità dell’aria va verificata a dovere, in modo tale da non irritare inutilmente le mucose.

«In generale la grandezza e le prestazioni di un condizionatore dovrebbero sempre essere adeguate alle reali esigenze – ha aggiunto la Röhler -. È ad esempio insensato utilizzare un impianto troppo piccolo. In questo modo si consuma più energia e di conseguenza denaro, visto che successivamente sarà necessario munirsi di un apparecchio di adeguate dimensioni. Nel nostro settore si è fatto molto negli ultimi anni ed i nuovi impianti utilizzano tecnologie innovative, sono più efficienti, garantiscono un risparmio energetico e tutelano l’ambiente». Anche per questa ragione un’adeguata formazione è indispensabile: «Per fronteggiare le nuove sfide quotidiane e garantire elevati standard qualitativi, una buona formazione è cruciale – ha concluso la presidente -. Il nostro mestiere sta diventando sempre più appassionante e proprio per questo vogliamo rinforzare ulteriormente la formazione degli apprendisti. Anche in futuro vogliamo offrire qualità e sicurezza, garantendo naturalmente a tutti un po’ di fresco!»



Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211