Cereali Alto Adige, boom delle coltivazioni bio

Pubblicato il 12 Dicembre 2017 in Imprese, Territorio

Cereali Alto Adige  

Non è stata un’annata facile per i coltivatori di cereali dell’Alto Adige ma le coltivazioni biologiche di segale e farro hanno registrato una crescita. Da oggi, 12 dicembre, sono disponibili i dati del raccolto di quest’anno. L’estate del 2017 non ha regalato le condizioni ideali per i cereali altoatesini. «All’inizio dell’anno c’è stato un periodo di particolare siccità e durante la stagione del raccolto in agosto e settembre il meteo non ha giocato sempre a nostro favore» dichiara Rudolf von Berg, proprietario del Molino Merano. Che comunque è soddisfatto del risultato: «In generale il raccolto di quest’anno è di una qualità molto buona». In complesso quest’anno nei «granai» dell’Alto Adige, cioè la Val Pusteria, la Val Venosta e la Valle Isarco, sono state raccolte 255 tonnellate di cereali, cioè 36 tonnellate in meno del 2016. Sul raccolto totale, 160 tonnellate sono di segale e 95 di farro.

Coltivazioni biologiche in crescita

È aumentata invece la percentuale di cereali provenienti da coltivazioni biologiche. L’anno scorso il raccolto di segale bio era pari a 80 tonnellate, mentre quest’anno si è giunti a 92 con un saldo positivo di 12 tonnellate. Anche il farro bio può vantare un gradimento sempre maggiore; quest’anno sono 60 le tonnellate raccolte, quasi il doppio dell’anno scorso.

Degli 85 ettari complessivi di superficie coltivata, 15 ettari sono attualmente convertiti a coltura biologica e sono in attesa di ottenere la certificazione bio. In questo modo i coltivatori diretti stanno rispondendo alla richiesta sempre maggiore di cereali dell’Alto Adige da parte dei fornai locali, che li trasformano in pane e specialità da forno con il marchio di qualità Alto Adige. Anche i cereali senza certificazione bio sono soggetti a controlli di qualità regolari. La coltivazione è effettuata con metodi naturali, cioè senza l’utilizzo di concimi minerali e di fitofarmaci.

Pane, il marchio di qualità Alto Adige

La richiesta di questo prodotto regionale da parte dei consumatori attenti alla qualità sta aumentando, perché il pane e le specialità da forno con il marchio di qualità Alto Adige devono essere composti da almeno il 75% di cereali altoatesini e sono preparati secondo ricette tradizionali. Non possono contenere sostanze conservanti, aromatizzanti o additivi chimici ma solo ingredienti naturali come lievito o lievito madre. Controlli costanti e indipendenti garantiscono il rispetto di tali criteri di qualità.

Sei anni fa è stato avviato il progetto «Regiograno». Sono già 72 i contadini, che coltivano cereali, a far parte di questa rete. L’iniziativa, sostenuta da IDM Alto Adige, Unione Agricoltori e Coltivatori Diretti Sudtirolesi, Centro di Sperimentazione Laimburg, Unione commercio turismo servizi Alto Adige e dalla cooperativa Consulenza per l’agricoltura montana (Bring), persegue da tempo l’obiettivo comune di sostenere i prodotti cerealicoli regionali e di salvaguardare la varietà del paesaggio agricolo dell’Alto Adige. Per maggiori informazioni sui cereali dell’Alto Adige: www.panealtoadige.com.

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211