Bolzano, l'inflazione non si ferma: +4% e rincari da 1300 euro

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

A dicembre 2021, nel Comune di Bolzano l’indice generale dei prezzi al consumo per l’intera collettività – NIC con tabacchi – è salito rispetto allo scorso novembre dello 0,7%, mentre rispetto a dicembre 2020 segna +4,0% (stesso valore annuale come a novembre). I corrispondenti valori dell’indice NIC senza tabacchi questo mese sono rispettivamente: +0,7% e +4,1%. Dati che riconfermano il capoluogo come città più cara d’Italia, con la maggior spesa aggiuntiva annua equivalente, in media, a 1272 euro, ma che schizza a 1795 euro per una famiglia di 4 componenti.

“Lasciano senza parole, generano amarezza, e preoccupano i nuovi dati record per l’inflazione a Bolzano. Come Comune abbiamo messo in campo quanto possibile per fare fronte alle difficoltà dei nostri concittadini, ma è evidente che è un tema da allarme rosso, che deve coinvolgere Provincia, soggetti imprenditoriali e sociali”, ha commentato l’assessore al sociale Juri Andriollo.

Il maggiore incremento congiunturale (cioè rispetto al mese scorso) si registra a dicembre nella divisione Ricreazione, spettacolo e cultura (+2,0%), seguite dai Servizi ricettivi e di ristorazione (+1,8%), Trasporti (+0,8%) e dai Prodotti alimentari e bevande analcoliche (+0,6%). In leggero ribasso rispetto allo scorso novembre appaiono le divisioni Abitazione, acqua, energia e combustibili e Comunicazioni (entrambe -0,1%). Rispetto a novembre rimangono invariate le divisioni Bevande alcoliche e tabacchi, Abbigliamento e calzature e Istruzione. Il maggiore incremento tendenziale (cioè rispetto allo stesso mese dell’anno precedente) si registra a dicembre nell’Abitazione, acqua, energia e combustibili (+16,4%), seguita dalle divisioni Trasporti (+8,8%), Prodotti alimentari e bevande analcoliche (+4,3%) e Servizi ricettivi e di ristorazione (+2,4%). In ribasso rispetto a dicembre 2020 appaiono le divisioni Comunicazioni (-2,5%) e Istruzione (-0,7%). Unica divisione invariata rispetto a dicembre 2020 è quella dei Beni e servizi vari.

Ti potrebbe interessare