A22, nuovi investimenti: via libera al Centro Servizi a Bressanone

Pubblicato il 29 Febbraio 2020 in Infrastrutture

 

Autobrennero procede con determinazione con i progetti delle nuove stazioni autostradali di Ala-Avio e Bressanone-Zona industriale. Questi i due principali punti all’ordine del giorno di ieri del Consiglio di Amministrazione di Autostrada del Brennero presieduto da Hartmann Reichhalter. Il CdA ha inoltre deciso di procedere all’affidamento dei lavori di realizzazione di un nuovo innovativo Centro Servizi a Bressanone (Varna), oltre che ad una serie di interventi manutentivi dell’arteria. “La Società – è il commento dell’Amministratore Delegato, Diego Cattoni – mentre attende l’esito positivo del confronto tra i Soci e il Governo in merito alla Concessione, continua a mantenere l’arteria ai massimi livelli di efficienza possibili e investe in nuove realizzazioni, un forte volano per l’economia dei territori attraversati”. “La nostra stella polare – osserva il Presidente Hartmann Reichhalter – resta il servizio all’utenza e la collaborazione con i territori, verso i quali la nostra attenzione non può che restare sempre e comunque massima”.

Il progetto della nuova stazione autostradale di Ala-Avio e del Centro per la Sicurezza Autostradale è molto atteso dal territorio anche perché prevede il ridisegno del collegamento con la viabilità ordinaria. Attualmente, infatti, la connessione avviene per mezzo di un incrocio a “T”, prossimo ad una curva, giudicato problematico in termini di sicurezza e interessato da un elevato tasso di incidentalità. Il CdA ha approvato la proposta di procedere il prima possibile all’affidamento dei lavori, previa intesa con il Ministero dei Trasporti. L’importo complessivo previsto per i lavori è di 24 milioni di euro.

Via libera anche allo sviluppo della progettazione esecutiva del completamento della stazione autostradale di Bressanone-Zona Industriale e all’acquisto dei terreni necessari. Il progetto, revisionato, è già stato depositato al Mit. L’attuale semi-stazione consente solo l’ingresso a nord e l’uscita a sud. “La realizzazione di una stazione completa – osserva il Direttore Tecnico Generale, Carlo Costa – aiuterà a sgravare Bressanone da una quota di traffico, riducendo anche il notevole numero di veicoli che oggi transitano tra Bressanone e Chiusa”. Disco verde anche all’affidamento dell’appalto per il nuovo Centro Servizi che sorgerà nei pressi della stazione autostradale di Bressanone, una di quelle a maggiore vocazione turistica dell’arteria, per un importo di 2,5 milioni di euro.  L’innovativa struttura a “ponte” è stata pensata per essere facilmente accessibile da entrambi i parcheggi che servono la stazione nelle due direttrici di marcia. Al piano terra sarà realizzato un bar, mentre al piano superiore troveranno spazio gli uffici. “Si tratta – osserva il Presidente Reichhalter – di una porta d’accesso che valorizza il territorio”.

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211