Minori entrate a causa della pandemia, la Provincia compensa: oltre 8 milioni ai comuni

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

La Ripartizione Enti locali e Sport della provincia, attraverso l’Ufficio Finanza locale, ha effettuato in questi giorni versamenti per oltre 8 milioni di euro ai 116 Comuni altoatesini. “Si tratta della prima rata delle misure di compensazione per le minori entrate IMI in relazione al venir meno dell’imposta sulla prima casa stabilita a livello nazionale alcuni anni fa, di compensazioni per le minori entrate causate dalla pandemia e di fondi per promuovere la cooperazione intercomunale” spiega la direttrice della Ripartizione Marion Markart.

Cinque milioni di compensazioni IMI

Come già avvenuto nel 2020, anche quest’anno la Provincia sostiene i Comuni compensando le minori entrate dall’Imposta Municipale Immobiliare (IMI), dovute al venir meno dell’IMI sulla prima casa. Attualmente è stato sottoscritto il primo decreto che ammonta a 5,2 milioni di euro. Nel dettaglio spetteranno 1,7 milioni a Bolzano, 604.000 euro a Merano, 272.000 euro Laives e 169.000 euro al Comune del Renon. In aggiunta, come previsto dall’accordo 2021 sulla finanza locale, ai Comuni spetta anche la quota statale di compensazione IMI che riguarda gli impianti e macchinari fissi (imbullonati), i quali possono essere dedotti dalla rendita catastale per le unità immobiliari commerciali dal 2016. L’importo totale in questione è di 1,95 milioni di euro con la fetta più grande che va al comune di Egna con 217.000 euro, seguito dal comune di Laives con 202.000 euro e dal Comune di Renon con 117.000 euro.

TOSAP e COSAP: compensate le minori entrate

Con un totale di 704.500 euro saranno invece compensate per il 2021 le minori entrate causa COVID per l’occupazione del suolo pubblico, come introdotto a livello statale l’anno scorso con la legge n. 77/2020. Durante l’emergenza COVID le attività turistiche e ricettive sono state esentate dal pagamento degli oneri per l’occupazione del suolo pubblico (TOSAP e COSAP). La disposizione si applica sia all’occupazione temporanea che continuativa delle aree comunali. Con un decreto la direttrice della Ripartizione Marion Markart ha dunque assegnato i fondi a 110 dei 116 Comuni altoatesini, che in questi giorni hanno ricevuto il pagamento. L’importo più alto di 319.000 euro va anche quest’anno al Comune di Bolzano, seguito dal Comune di Merano con 55.500 euro e dal Comune di Bressanone con 35.000 euro.

Quasi mezzo milione di euro per le collaborazioni intercomunali

In questi giorni, undici Comuni hanno ricevuto una somma aggiuntiva di 453.000 euro per il finanziamento delle collaborazioni intercomunali: Barbiano e Villandro, Prato allo Stelvio e Stelvio, Senales e Plaus, e infine Scena, Tirolo, Avelengo, Caines e Rifiano. Con questo giro di compensazioni per le collaborazioni, quest’anno si è arrivati alla terza assegnazione.

Ti potrebbe interessare