VIDEO La “gastrite” di Ötzi the Iceman: parla Albert Zink di Eurac

Pubblicato il 7 Gennaio 2016 in Innovazione

Zink Helico  

Il paleopatologo Albert Zink dell’Istituto per le mummie e l’Iceman di Eurac di Bolzano racconta la scoperta del batterio Helicobacter pylori nella mummia Ötzi. Leggi l’articolo completo.

Ha fatto il giro del mondo e del web in poche ore la ricerca coordinata dall’Eurac di Bolzano sullo stomaco di Ötzi, la mummia ritrovata nel 1991 fra i ghiacci ai piedi del Similaun, in Alto Adige al confine con Tirolo. Indagando sui resti dello stomaco dell’uomo vissuto 5.300 anni fa, i ricercatori dell’Istituto per le mummie e l’Iceman di Eurac, guidati da dal microbiologo Frank Maixner e dal paleopatologo Albert Zink, hanno scoperto tracce di un batterio, l’Helicobacter pylori. La scoperta è avvenuta estraendo l’intero DNA del contenuto dello stomaco. Pubblicata su Science, la ricerca è stata ripresa dal New York Times.

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211