Via Druso, un chilometro di corsia riservata per il metrobus. A maggio i cantieri verso il centro

Pubblicato il 1 Febbraio 2018 in Infrastrutture

 

Quasi tre milioni di euro per l’ultimo tratto, di 700 metri, di corsia riservata al metrobus in via Druso. I lavori hanno comportato l’allargamento della sede stradale e la realizzazione di una ciclabile bidirezionale in via Druso nel tratto compreso tra via Mendola e via Resia. Un nuovo tratto quindi della «linea» diretta, voluta dalla Provincia, per meglio collegare l’Oltradige al centro città in attesa del tram. «E’ stato un lavoro molto impegnativo – ha detto l’assessore ai lavori pubblici Luis Walcher – sia in termini economici che logistici posto che via Druso è da sempre la strada più importante anche per i vari mezzi di soccorso  (vigili del fuoco, sanitari, ambulanze ecc.). Abbiamo dovuto giustamente sempre garantire due corsie aperte al traffico per i mezzi di emergenza, ma siamo riusciti senza particolari problemi o incidenti a realizzare tale intervento in sei mesi. Di questo sono particolarmente lieto, con il cantiere che si è chiuso nei tempi prefissati». Ora manca il resto: quello verso il centro. «I lavori continueranno con il prossimo tratto da maggio in poi da piazza Adriano a ponte Druso e con questo ulteriore collegamento, da settembre in poi, avremo una corsia preferenziale continua da piazza Adriano a piazza Stazione. Il prossimo anno, da aprile in poi realizzeremo prima il tratto piazza Adriano-via Palermo e successivamente quello tra via Palermo e via Sorrento. Avremo perciò una volta terminati i lavori, una corsia preferenziale per il trasporto pubblico diretta verso la stazione proveniente dall’Oltradige. Potremo quindi garantire anche la puntualità dei nostri mezzi pubblici perché questa corsia è davvero in tal senso, fondamentale».

DSC_3068

I lavori su un tratto di via Druso di circa 700 metri, sono stati eseguiti garantendo sempre la circolazione a doppio senso di marcia. In accordo tra Comune e SEAB i lavori stradali sono stati preceduti dalla posa delle nuove tubazioni del teleriscaldamento. E’ stato realizzato un nuovo collettore per le acque meteoriche, posato un nuovo acquedotto, oltre alla pista ciclabile ed un marciapiede. Sono state posate nuove alberature e realizzato il nuovo impianto della pubblica illuminazione. L’intervento è costato complessivamente 2.906.597,92 euro.



Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211