Menu

Valdastico Nord, Abertis compra l’A4 ma vuole la nuova autostrada

Pubblicato il 11 Maggio 2016 in Infrastrutture

Valdastico Nord  

Valdastico Nord, si torna a parlarne dopo che la società spagnola Abertis ha definito l’acquisto della quota di controllo di A4 Holding, la società che ha in gestione l’autostrada A4 Brescia-Padova e la A31 della Valdastico. Abertis ha infatti subordinato la compravendita per 594 milioni di euro al prolungamento della Valdastico Nord fino a Trento. Si riapre così il lunghissimo contenzioso fra Veneto (favorevole) e Trentino (da sempre contrario) sull’arteria che dovrebbe bypassare il nodo di Verona e sgravare di traffico pesante la A22 Autobrennero, con un tunnel sotto le montagne della valle dell’Astico.

In febbraio l’equilibrio era stato trovato con la mediazione del ministro delle Infrastruttura Graziano Delrio: niente autostrada, ma potenziamento della viabilità esistente, per collegare l’attuale casello finale di Piovene Rocchette con l’area metropolitana di Trento.

Abertis compra A4 ma vuole la Valdastico Nord

Ora però Abertis rimette in discussione tutto: l’accordo per l’acquisto delle quote di maggioranza di A4 Holding, si legge in una nota della società iberica, «è subordinato, tra le altre condizioni, all’approvazione da parte del Governo Italiano del prolungamento dell’autostrada A31 (progetto Connessione Nord), un piano di investimenti di importanza strategica per il Paese».

«L’accordo raggiunto include un piano completo di investimenti relativo all’autostrada A31 – prosegue la nota di Abertis –, che implica la costruzione di una nuova autostrada che completerà la connessione della tratta già esistente con l’autostrada A22. Come risultato, la A31 diventerà il percorso più breve e rapido tra l’Europa centrale e quella orientale, con un forte potenziale di attrarre volumi consistenti di traffico dall’Italia del nord verso la costa adriatica».

E ancora: «Il progetto è subordinato all’approvazione da parte del Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica (Cipe) del governo Italiano. La definizione del tracciato del progetto è nella fase finale di negoziazione tra le autorità locali della Provincia di Trento, la Regione Veneto e il governo Italiano». Negoziazione che, come detto sopra, al momento è arrivata a un punto di equilibrio che esclude il ricorso a una nuova autostrada. I prossimi mesi diranno se il cambio di proprietà in A4 modificherà i rapporti di forza.

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211