Menu

Urbanistica, l’appello delle imprese: «Sviluppare le aree produttive»

Pubblicato il 14 Giugno 2019 in Agenda

residenti  

Le imprese del settore manifatturiero creano un quarto dell’intero prodotto interno lordo dell’Alto Adige, generano l’85 per cento delle esportazioni e occupano oltre 50.000 dipendenti. Questi sono alcuni dei numeri che il Rappresentante comprensoriale della Val Pusteria, Toni Schenk, ha presentato in apertura dell’incontro con sindaci e assessori comunali della Val Pusteria che si è svolto nei giorni scorsi presso la GKN Driveline di Brunico.

«Questi dati sottolineano il contributo decisivo che le nostre imprese danno al benessere e all’occupazione in Alto Adige e che spiegano perché è importante sostenere la crescita e lo sviluppo delle aziende dell’industria e dei servizi ad essa associati», ha sottolineato Schenk. In particolare si è parlato della legge provinciale «Territorio e paesaggio» e delle possibilità di sviluppo previste per le zone produttive. «In Pusteria le imprese manifatturiere danno lavoro a oltre 10mila persone: il 30 per cento degli occupati dipendenti del comprensorio lavorano nel manifatturiero, ma le zone produttive occupano meno dello 0,5 per cento dell’intera superficie della Pusteria», ha ricordato il Rappresentante comprensoriale.

L’importanza delle zone produttive

Proprio l’importanza delle zone produttive come motore di sviluppo e occupazionale è stata al centro dell’intervento del Direttore di Assoimprenditori, Josef Negri: «L’obiettivo della riforma urbanistica è quello di garantire uno sviluppo sociale, economico e sostenibile alla nostra terra. Per raggiungerlo, le aree a disposizione vanno utilizzate nel modo più efficiente possibile. Per assicurare anche in futuro gli investimenti sul territorio e la creazione di valore aggiunto e posti di lavoro da parte delle imprese più innovative e orientate ai nuovi mercati, dobbiamo permettere il loro sviluppo all’interno delle aree produttive: per i Comuni altoatesini questo significa inserire tutte le zone produttive già esistenti e quelle di espansione future all’interno delle aree insediabili».

«Urbanistica, crescita decisiva»

Imprenditori e politici presenti hanno potuto constatare di persona quanto la crescita delle imprese manifatturiere sia decisiva per i territori in cui sono insediati nel corso della presentazione della GKN Driveline fatta dall’amministratore delegato Alexander Burger: a Brunico l’impresa occupa oltre 600 dipendenti di cui un terzo ha meno di 35 anni. Specializzato nell’innovazione per il settore automotive, lo stabilimento pusterese è uno dei più tecnologicamente avanzati per quanto riguarda le auto elettriche e i motori ibridi (eDrive). L’impresa investe molto in ricerca e sviluppo ed è molto attenta anche al benessere dei propri dipendenti: offre, tra le altre cose, prestazioni di welfare aggiuntive, corsi di formazione specifici e la possibilità di iscrivere i propri bambini ad un asilo nido aziendale. Nel 2018 ha effettuato acquisti da fornitori locali per 9,5 milioni di euro e i suoi clienti e partner d’affari hanno generato 3.000 pernottamenti turistici.

Le infrastrutture

Nel corso del confronto con i rappresentanti dei Comuni, gli imprenditori della Val Pusteria hanno ribadito anche l’importanza della raggiungibilità e in particolare la necessità di investire su infrastrutture di collegamento moderne ed efficienti. «Il dialogo con i rappresentanti politici locali è fondamentale, perché molte decisioni vengono prese a livello comunale. Non a caso il motto che abbiamo scelto per questo incontro è “Gestire insieme il futuro”: solo attraverso un percorso condiviso riusciremo ad affrontare le grandi sfide che ci attendono”, ha chiuso Schenk assicurando piena disponibilità da parte delle imprese a collaborare con i Comuni».

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

Facebook

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211