Alto Adige, 29,5 milioni di turisti nel 2015. Alberghi e ristoranti soddisfatti

Pubblicato il 5 Maggio 2016 in Territorio, Turismo

imposta di soggiorno  

Nel settore alberghiero e della ristorazione il clima di fiducia è decisamente positivo. Lo rileva il barometro dell’economia dell’IRE – Istituto di ricerca economica della Camera di commercio di Bolzano. Il buon andamento delle presenze nel 2015 ha portato un miglioramento della redditività, giudicata soddisfacente dall’84% delle imprese. Per quest’anno si prevede un’ulteriore crescita e nove imprese su dieci contano di realizzare redditi soddisfacenti. Preoccupa, tuttavia, l’aumento dei costi. Con quasi 29,5 milioni di presenze il 2015 è stato un anno record per il turismo altoatesino. Rispetto all’anno precedente i pernottamenti sono aumentati del 3,6% grazie soprattutto alla lieve ripresa economica in Italia. Le presenze di ospiti italiani sono infatti cresciute addirittura del 7%. Sono comunque aumentate anche le presenze di turisti provenienti dall’estero, seppure in misura minore. Di conseguenza è migliorata anche la redditività, che è stata soddisfacente per l’84% delle imprese del settore turistico.

Gli imprenditori e le imprenditrici sono ottimisti anche per l’anno in corso. Nonostante l’iniziale mancanza di neve, la stagione invernale ha registrato un avvio positivo. Il rafforzamento della congiuntura in Italia dovrebbe portare un ulteriore leggero incremento dei fatturati. Rispetto agli scorsi anni sono migliorati anche i giudizi degli imprenditori riguardo ad aspetti come la puntualità dei clienti nei pagamenti o l’accesso al credito. Per questi motivi, il 91 percento delle imprese prevede di conseguire una redditività soddisfacente o addirittura buona per il 2016. Preoccupa invece la situazione dei costi: le elevate aspettative dei clienti impongono, infatti, continui investimenti nelle aziende.

Dall’analisi delle singole branche emerge come il clima di fiducia sia particolarmente positivo per gli esercizi ricettivi, mentre risulta più modesto per quanto riguarda i bar e i caffè. Questi ultimi non prevedono quest’anno miglioramenti del fatturato e della redditività rispetto al 2015. Il Presidente della Camera di commercio di Bolzano, Michl Ebner, esprime soddisfazione per il clima positivo, ma sottolinea la necessità di sgravi e semplificazioni: “Il carico fiscale e burocratico resta molto elevato e penalizza in particolare le piccole imprese del comparto turistico. A questo proposito occorrono interventi da parte della politica.“

 

«È positivo che le imprese siano fiduciose – spiega Manfred Pinzger, Presidente dell’Unione Albergatori e Pubblici Esercenti – Ma proprio quando le cose vanno bene non bisogna adagiarsi, bensì lavorare per mantenere la competitività con idee innovative. L’Unione Albergatori e Pubblici Esercenti e i suoi partner si impegnano per il rafforzamento del marketing turistico: la commercializzazione della nostra offerta turistica e il miglioramento dell‘accessibilità dell’Alto Adige, anche per via aera, dovrebbero essere ancor più al centro dell’attenzione».

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211