Da New York a Chicago e Orlando, i tour delle aziende negli Usa con Idm

Pubblicato il 23 Febbraio 2016 in Turismo

Usa  

New York, Chicago e Orlando: il tour delle aziende altoatesine negli Usa prevede queste tappe, organizzate da Idm Alto Adifge nel 2016 fra fiere e viaggi imprenditoriali. Già tre si trovano in America del Nord in questi giorni per valutare l’ingresso in quel mercato e agganciare la ripresa: la Mila con i suoi latticini, la Zerocal che che crea prodotti a base di stevia, e la distilleria Alfons Walcher di Frangarto.

L’export per gli Usa? È alimentare

In programma c’è poi un viaggio, sempre organizzato da Idm, per i rappresentanti delle aziende dei settori alimenti e bevande, che toccherà New York e Chicago, per incontrare potenziali partner commerciali americani, selezionati per loro in precedenza dagli esperti di Idm. «I partecipanti, grazie a questo viaggio, possono farsi un’idea concreta delle possibilità che hanno i loro prodotti negli USA e allo stesso tempo possono avvicinarsi alla cultura imprenditoriale americana» spiega Valérie Spenlé, responsabile di Go International alla IDM.

Per la ristorazione, i servizi alimentari e l’industria ricettiva i mesi clou saranno maggio, giugno e ottobre. Idm ha in programma altri viaggi imprenditoriali per lo show NRA (National Restaurant Association) a Chicago, il principale punto d’incontro per il settore ristorazione, servizi alimentari e industria ricettiva. In giugno è la volta del settore “noon-food” a New York, e le aziende del settore alimentare avranno la possibilità di esporre a New York alla “Summer Fancy Food”, la più grande fiera di specialità nel settore degli alimenti del Nordamerica. Ottobre è il mese del PMA Fresh Summit a Orlando, dove 1000 espositori da oltre 60 Paesi presenteranno i propri prodotti freschi. A completamento dell’offerta Usa si svolgeranno diversi eventi informativi sul Paese, sulla sua lingua e sul relativo mercato.

Ridurre la dipendenza da Germania e Austria

«Per ridurre le dipendenze, le aziende altoatesine fanno bene a mettere in campo diverse strategie e a considerare nuovi mercati – dice il presidente della Provincia di Bolzano Arno Kompatscher – Più un’azienda sa muoversi a livello internazionale, più può reagire ad eventuali sviluppi inattesi dei mercati tradizionali». Il Presidente della Camera di commercio Michl Ebner è convinto che molte medie aziende siano pronte per il grande salto: «Gli Usa sono un interessante partner commerciale, che offre anche e proprio per le nostre medie aziende locali grandi possibilità. Proprio per quanto riguarda alimenti e bevande al momento l’America del Nord sta vivendo un trend molto positivo – settori in cui anche le aziende altoatesine sono forti e offrono prodotti eccellenti. È importante entrare in questo mercato in modo strutturato ed efficiente».

Un sostegno in questo senso per le aziende arriva dagli esperti del reparto Go International e Customer Management della IDM. «I miei collaboratori sondano prima il terreno e selezionano poi quelle possibilità in cui le nostre aziende possono presentarsi sul mercato nel modo migliore e più sostenibile. Allo stesso tempo ci mettiamo a loro disposizione informandoli in anticipo su specifiche esigenze del mercato e su possibili strategie per entrarvi» spiega il direttore di Idm Hansjörg Prast.

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211