Supermercati, personale preoccupato: «Non si rispettano le norme anti-contagio»

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

“In diversi supermercati non si rispettano le limitazioni per ridurre il rischio di contagio e tra le lavoratrici e i lavoratori c’è moltissima preoccupazione. Facciamo appello alla responsabilità di tutti, clienti e datori di lavoro. Così non si può andare avanti”, Filcams/Cgil, Uiltucs, Fisascat e Asgb fanno proprio l’invito a “evitare corse inutili all’acquisto”.

“Non c’è nessuna necessità di accaparrarsi generi alimentari, né i supermercati sono luoghi di passatempo – incalzano -. Bisogna stare a casa e bisogna tutelare la salute dei lavoratori e delle loro famiglie”.

La preoccupazione dei sindacati cresce in vista del fine settimana; c’è infatti il timore che domenica i punti vendita vengano ancor più presi d’assalto: “La prioritaria deve essere la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro per tutti i dipendenti del settore alimentare e delle farmacie impegnati pesantemente in questo momento di estrema difficoltà per tutta la nazione”.

“I lavoratori – precisano le parti sociali – si stanno già facendo carico di turni massacranti e hanno paura. Si valutino a questo punto modalità che permettano di operare in tranquillità riducendo ove possibile turnistiche e valutando come opportune anche le chiusure domenicali coordinate tra punti vendita. Si dia ai lavoratori la possibilità di tirare il fiato e di abbassare la tensione”, concludono i sindacati in una nota congiunta.

Ti potrebbe interessare