Social Impact Lab: call per formare imprenditori sociali

Pubblicato il 25 Ottobre 2018 in Innovazione, Opportunità, Territorio

 

Al via Social Impact Lab, programma transfrontaliero e interregionale di accelerazione per le imprese sociali, che mira a formare gli imprenditori sociali di domani. Aperta fino al 6 dicembre la call per la prima fase del progetto: si ricercano imprenditori, studenti e collaboratori della pubblica amministrazione del territorio che, come singoli o in team, siano interessati ad avviare startup innovative nel settore sociale.

Sempre più attuale è la necessita del settore dell’economia sociale di tradurre i propri ideali in progetti e per questa ragione Libera Università di Bolzano, l’Università di Udine, la Alpen-Adria-Universität Klagenfurt e la Fachhochschule Kärnten si sono unite, dando vita al progetto interregionale Social Impact for the Alps Adriatic Region (SIAA) – L’Innovazione Sociale , mirato a promuovere l’innovazione sociale nelle regioni tra Italia e Austria. «Il nostro obiettivo è generare soluzioni inedite per i bisogni sociali dei territori coinvolti» spiega Valeria Cavotta, docente di Imprenditorialità Sociale alla Laurea Magistrale in Imprenditorialità e Innovazione della Facoltà di Economia.

Il Social Impact Lab prevede quattro moduli pratici, basati sul learning by doing, che vedranno lo svolgersi di attività di coaching in aula, a cura di docenti della Facoltà di Economia, i quali affiancheranno sia chi vuole aprire un’impresa ex novo, sia gli operatori di imprese sociali che vogliono apprendere e applicare gli strumenti tipici della logica e dell’agire imprenditoriale. «Il programma si chiuderà con un evento finale che servirà a diffondere idee, strumenti e metodologie di impresa sociale», continua Cavotta. La chiusura di questo progetto vedrà infatti la pubblicazione di un manuale per l’implementazione dell’impresa sociale e l’organizzazione di seminari attraverso cui restituire alle amministrazioni pubbliche le conoscenze acquisite.

Il programma – che oltre agli atenei vede tra i partner build!Gründerzentrum Kärnten GmbH, t2i – trasferimento tecnologico e innovazione s.c.a r.l., Friuli lnnovazione Centro di Ricerca e di Trasferimento Tecnologico, Caritas Diocesi Bolzano-Bressanone, Ufficio Sviluppo della cooperazione della Provincia Autonoma di Bolzano e Rudi Dalvai, fondatore di Altromercato e presidente di WFTO (World Fair Trade Organization) – è gratuito e si svolgerà da gennaio ad aprile 2019, uno o due giorni al mese (per ogni informazione contattare: chiara.menini@unibz.it).

 

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211