Lo slittino tra sicurezza e aspetti legali: convegno a Bolzano il 2 dicembre

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

È uno sport molto amato in Alto Adige, ma spesso viene messo sotto accusa in caso di incidenti in quanto la legislazione in materia è poco chiara: stiamo parlando dello slittino, praticato oggi da un turista invernale su 5. E la tendenza è al rialzo, perché questo sport si sta affermando come attività invernale con grande valore turistico. Tuttavia la sua competenza non spetta ai comprensori sciistici, che sono responsabili della sicurezza in altri ambiti. Inoltre le piste da slittino, basiche ed economiche, non possono contare sull’organizzazione che hanno invece i comprensori. Per fare un po’ di chiarezza sulle norme in vigore in proposito, il 2 dicembre si terrà a Bolzano un convegno che prende le mosse dalla sentenza che ha condannato a un anno e tre mesi di reclusione tre persone coinvolte in un incidente su slittino.

Il primo marzo 2012 Romano Campiti, che avrebbe festeggiato 15 anni il giorno successivo, si è schiantato con la slitta mentre scendeva lungo la pista di slittino della Croda Rossa che arriva fino a Moso frazione di Sesto, in Val Fiscalina (Alta Val Pusteria). Il maestro di sci che lo accompagnava, l’amministratore delegato della società che gestiva gli impianti e il responsabile della sicurezza delle piste sono stati condannati – anche se non in via definitiva – nell’aprile 2016. La confusione sulle responsabilità e le polemiche sorte durante il processo hanno fatto nascere l’esigenza di una regolamentazione più efficace. «Lo slittino è uno sport che piace sempre di più – afferma Sebastian Mayrgündter, responsabile dell’ecosistema Tecnologie alpine, protezione civile e sicurezza alpina di IDM Südtirol / Alto Adige –. È anche uno dei più conosciuti: ogni bambino in Alto Adige è andato almeno una volta sulla collina dietro a casa e si è lasciato scivolare giù con una slitta. È un approccio buono per avvicinare i giovani alla montagna. Tuttavia quando si parla di slittino sorgono subito molti problemi legati alla sicurezza e agli aspetti legali. Per esempio, se una famiglia si ferma a pranzo in una baita e poi va a slittare sulla neve che c’è fuori dal locale, in caso di incidente il gestore può essere chiamato in causa».

Anche l’ex campione del mondo di slittino al convegno di IDM

L’Alto Adige è leader nella produzione di slittini, usati per i campionati di tutto il mondo. Questo sport, riconosciuto dalla Fisi anche se non ancora alle Olimpiadi, è considerato dagli esperti della Sallewa una delle attività invernali con maggiore potenziale di crescita, salutare, sicuro, semplice da fare e imparare e offre spazio per individualità e libertà. In occasione del convegno “La responsabilità sulle piste ed in particolare sulla pista da slittino”, esperti del settore forniranno una panoramica della vigente giurisprudenza, delle norme e degli usi di legge. L’evento è organizzato da IDM Südtirol / Alto Adige in collaborazione con la camera degli avvocati del foro di Bolzano venerdì 2 dicembre alle ore 15 presso la sede di IDM in via Siemens 19 a Bolzano. La registrazione obbligatoria al sito http://www.idm-suedtirol.com/it/events/49-mehr-rechtssicherheit-beim-naturbahn-rodeln.html.

slittinoIl convegno vuole fare chiarezza sulla responsabilità degli operatori turistici, per aiutare aziende come la Skipp –  con know-how ed esperienza decennale sulle piste da sci – a sviluppare nuovi soluzioni per ridurre il rischio. Quando si considera una via alpina una “pista da slittino”? Chi è deputato alla gestione del rischio? Quali provvedimenti per ridurre i rischi si considerano sufficienti dal punto di vista legale? Come si può impedire in modo legale l’utilizzo di una pista da slittino? Che responsabilità ha l’utente riguardo ad attrezzatura, dotazione di protezione, formazione? A rispondere a queste domande saranno, moderati da Mayrgündter, Carlo Bertacchi, avvocato dell’amministratore delegato e del responsabile della sicurezza delle piste coinvolti nell’incidente di Romano Campiti, con un intervento dal titolo “Il gestore di piste da slittino: panoramica sulla normativa, prassi e (scarsa) giurisprudenza in materia”, Carlo Busato, che parlerà di “Sciatori e gestori delle aree sciabili. Responsabilità a confronto”, e l’ex campione del mondo di slittino, l’austriaco Andreas Ruetz, che parlerà di sicurezza della circolazione sulle piste nel suo paese. Destinatari del convegno sono avvocati e gestori di impianti di risalita e piste di sci e slittino.

Rebecca Travaglini

Ti potrebbe interessare