Menu

Rifugio Petrarca, via al restauro della condotta dell’acqua

Pubblicato il 8 marzo 2019 in Infrastrutture, Territorio

rifugio petrarca  

Nel 2014 il rifugio Petrarca all’Altissima (2.875 metri) venne distrutto da una valanga. La struttura, che si trova nel cuore del Parco di Tessa sul versante sud delle Alpi Ötztaler, verrà restaurata come stabilito dalla Giunta provinciale. La scorsa estate nella zona del rifugio, che si trova lungo il tracciato dell’Alta Via del Tirolo, dell’Alta via di Merano e di molte altre alte vie che attraversano le Alpi, sono state realizzate strutture provvisorie per consentire il pernottamento degli escursionisti. “Per prima cosa verrà realizzata un’importante infrastruttura al servizio del rifugio, ossia la condotta per l’approvvigionamento di acqua potabile. Durante l’estate l’acqua, com’è noto, è un bene di difficile approvvigionamento nei rifugi specialmente in estate o in periodi di forte siccità, proprio quando la necessità è maggiore a causa dell’elevato numero di ospiti” sottolinea l’assessore provinciale al Patrimonio Massimo Bessone.

Rifugio Petrarca: i lavori per la condotta d’acqua

L’impresa Fratelli Oberprantacher Gottlieb & Karl OHG costruirà ora una nuova condotta per l’approvvigionamento dell’acqua per l’importo di 190.000 euro (oneri di sicurezza esclusi). L’impresa ha presentato l’offerta economicamente più vantaggiosa nell’ambito della gara pubblica bandita dalla Provincia. La somma complessiva dell’incarico, inclusi gli oneri di sicurezza, ammonta a poco meno di 200.000 euro. Complessivamente erano stati due i soggetti che avevano presentato un’offerta per l’intervento. “I lavori dovrebbero partire già entro l’estate” spiega il responsabile del procedimento Stefan Canale. La condotta idrica sarà lunga 750 metri. Circa 200 metri a valle del rifugio si trova infatti una fonte d’acqua qualitativamente pregiata, dalla quale verrà raccolta l’acqua che verrà poi pompata 40 metri più in alto in un bacino di raccolta. Da qui una condotta porterà l’acqua fin dentro al rifugio. Sia il bacino di raccolta che le condotte verranno poi ricoperti di rocce e non saranno visibili. Per il 2019 sono stati messi a disposizione 15,3 milioni di euro per lavori nei rifugi di proprietà provinciale. “Vogliamo così mantenerli funzionali luoghi di appoggio per escursionisti, scalatori, mountain biker ma anche punti di riferimento per il personale del soccorso alpino e per questo i lavori mirano a renderli ancora più rispondenti alle esigenze di queste categorie di utenti”, spiega l’assessore Bessone. Il direttore della Ripartizione patrimonio Daniel Bedin conclude ricordando che saranno 9 i rifugi nei quali verranno eseguiti lavori di manutenzione nel 2019.

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

Facebook

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211