Menu

Regione, cambia la legge sulle cooperative sociali: sì anche all’oggetto plurimo

Pubblicato il 11 ottobre 2016 in Culture, Territorio

cooperative-sociali  

Cambia la normativa per le cooperative sociali: si potranno creare anche ad oggetto plurimo. La Regione, competente in materia di cooperazione, si allinea alla  interpretazione nazionale della normativa, eliminando le restrizioni che non consentivano alle cooperative sociali di svolgere contempo­raneamente attività di gestione di servizi socio-sanitari, culturali ed educativi e di esercitare attività diverse – agricole, industriali, commerciali o di servizi – finalizzate all’inserimento lavorativo di persone svantaggiate. Lo ha deciso ieri (10 ottobre) la giunta regionale su proposta del vicepresidente, Ugo Rossi.

Alla luce  di  una circolare del ministero del lavoro è stata ritenuta superata la preclusione alla costituzione di cooperative sociali ad oggetto plurimo a patto che, come è previsto a livello nazionale, da un lato  “le tipologie di svantaggio e le aree di intervento esplicitamente indicate nell’oggetto sociale siano tali da richiedere attività coordinate per l’efficace nserimento lavorativo di persone svantaggiate” e dall’altro che  “il collegamento funzionale tra le diverse tipologie di attività risulti chiaramente indicato nello statuto sociale”. Un’ulteriore condizione posta è che  “l’organizzazione amministrativa delle cooperative sociali consenta la netta separazione delle gestioni relative alle attività esercitate ai fini della corretta applicazione delle agevolazioni conces­se dalla vigente normativa”. Con la delibera approvata oggi la giunta regionale ristabilisce – si legge nel documento – la parità di condizioni operative per le cooperative sociali aventi sede nella regione rispetto a quelle aventi sede nelle altre regioni.

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

Facebook

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211