Rassegna stampa estera/ Settimana bianca con Coronavirus

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Ovviamente il Coronavirus sta monopolizzando l’attenzione dei media di tutto il mondo. Così anche l’Alto Adige è finito tra le tabelle di dati e i grafici che riportano quasi tutti i media internazionali per aggiornare il conto dei contagiati e dei decessi. Raramente riescono a filtrare anche notizie di argomento diverso, ma quelle poche, ovviamente, le riportiamo. Ma partiamo dalle “news altoatesine” riguardanti il Covid 19:

In Inghilterra, in particolare nel Kent, e negli Stati Uniti, in particolare in Florida, la stampa locale ha dato ampio risalto a chi è risultato positivo al Coronavirus dopo una classica settimana bianca in Alto Adige.

Kentlive si concentra sulla lentezza dei test in Inghilterra: “Una famiglia del Kent sta aspettando da nove giorni il test del Coronavirus dopo un viaggio nel Nord Italia”(notizia risalente al 12 marzo) mentre in Florida si va più sul classico: “Coppia di Broward positiva al Coronavirus dopo un viaggio in Italia. L’escursione sciistica annuale si trasforma in un incubo” (Da Local10 news).

Purtroppo, entrambi sono risultati positivi al Covid 19 e il marito è ricoverato in ospedale per una polmonite.

Golocalprov, media del Rhode Island (Usa) si è invece collegato con una concittadina che studia economia all’Università di Bolzano: Rebecca Couto da Silva. Nel video, Rebecca descrive la vita quotidiana in Alto Adige in tempi di lockdown.

Chiudiamo con il Coronavirus (almeno qua) con l’intervista del polacco Onet allo scalatore Simone Moro “Installatosi nella casa del figlio a Bolzano dopo aver lasciato Bergamo”. Nell’articolo, oltre ad alcune polemiche legate al mondo dell’alpinismo, Moro si è concentrato su quanto sta passando la sua famiglia: “Ora sono con mio figlio, ma mia madre e mio fratello sono ancora con la loro famiglia a Bergamo. Per ora stanno bene e sono in salute, grazie a Dio”.

Passando ad altro, il portoghese Dnoticias riporta la notizia dell’estradizione dalla Norvegia all’Italia del mullah Krekar Najmaddin Faraj Ahmad, che la Corte di Assise di Bolzano ha condannato a 12 anni di reclusione, riconoscendolo colpevole di aver costituito una propria organizzazione terroristica di matrice curdo-sunnita, denominata “Rawti Shax”.

Per chiudere, il francese Ad dedica ampio spazio a Casa Tabarelli a Cornaiano: “Un capolavoro di Carlo Scarpa”. L’ammirazione per l’edificio trasuda da ogni riga del pezzo: “Ogni camera ha il suo particolare giardino in stile giapponese che si affaccia all’esterno con terrazza e fontana. All’interno, l’architetto ha impiegato artigiani locali per creare pareti di colore rosa pallido. I soffitti sono in stucco, ogni colore è pensato: rosa, giallo, blu … sfumature folli le cui sfumature variano a seconda della luce delle diverse ore del giorno”.

Sembra un posto bellissimo dove passare questa lunghissima quarantena…

Massimiliano Boschi

 

Ti potrebbe interessare