Profughi, task force comune dell'Euregio

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Nasce il “gruppo di contatto permanente” per gestire in modo coordinato l’accoglienza dei profughi. Ne fanno parte i responsabili delle politiche sociali e della gestione dei flussi di richiedenti asilo di Tirolo, Alto Adige e Trentino, che hanno annunciato la decisione oggi nel corso del convegno “Accoglienza nell’emergenza” che si è tenuto a Trento oggi 30 novembre 2015. Vi hanno preso parte il senatore e costituzionalista Francesco Palermo, il professore di diritto Jens Woelk, il coordinatore dell’emergenza profughi in Tirolo, Dietmar Schennach, Pierluigi La Spada di Cinformi Trento (il centro informativo per l’immigrazione della Provincia di Trento) e il direttore della ripartizione provinciale politiche sociali dell’Alto Adige, Luca Critelli.

Scambio di informazioni e buone pratiche

«Partendo dal fatto che da mesi siamo in contatto con Tirolo e Trentino per la problematica dei profughi – ha sottolineato Critelli – è stato deciso di istituire una taskforce dell’Euregio chiamata ad occuparsi direttamente della tematica. Si tratta di un gruppo di contatto permanente fra le tre Regioni che si occuperà di concertare le misure più adeguate a gestire il fenomeno». Per il senatore Palermo, è «necessario adeguare l’approccio in un’ottica di rete di governance sovraregionale in grado di pianificare misure e risorse da destinare non solo alla gestione delle situazioni di emergenza». La collaborazione transfrontaliera avrà come primo banco di prova affrontare la migrazione caratterizzata da un massiccio transito di persone richiedenti asilo. «Bisogna farsi trovare pronti – hanno spiegato Critelli, Schennach e La Spada a nome della nuova taskforce – attivare un continuo scambio di informazioni fra le tre regioni ed elaborare dei modelli e delle buone pratiche da prendere come esempio per la gestione dei profughi tramite misure e iniziative concrete».

 

Foto: CC Joshua Zakari 2015 via Flickr

Ti potrebbe interessare