Menu

Polo bibliotecario a Bolzano, ad aprile 2018 il via ai lavori

Pubblicato il 28 Giugno 2017 in Infrastrutture, Territorio

Polo bibliotecario  

«Un ulteriore passo importante per la realizzazione di un’opera fondamentale sotto il punto di vista culturale, che riunificherà sotto un unico tetto le due biblioteche provinciali, Claudia Augusta e Teßmann e la Civica di Bolzano». L’assessore provinciale alla cultura italiana e all’edilizia pubblica Christian Tommasini con queste parole ha commentato la sottoscrizione dell’atto di assegnazione definitiva dei lavori per il nuovo polo bibliotecario a Bolzano, avvenuta ieri 27 giugno, da parte del direttore della Ripartizione Lavori pubblici Gustavo Mischí. Per l’assessore provinciale alla cultura tedesca Philipp Achammer «il nuovo polo assurgerà a uno dei luoghi d’incontro più rilevanti per tutti i cittadini della provincia. Sarà un luogo della creatività, di ispirazione e di apprendimento».

L’Agenzia per gli appalti aveva comunicato l’aggiudicazione provvisoria il 26 giugno 2017. La gara d’appalto integrato era stata pubblicata l’8 marzo 2016. Con questa tipologia di appalto, la ditta, oltre a eseguire i lavori, progetta anche parte dell’opera. L’impresa Condotte Spa di Roma si è aggiudicata la gara per la realizzazione del Polo bibliotecario a Bolzano con un’offerta di 39,9 milioni di euro presentando un ribasso del 2 per cento rispetto all’importo a base d’asta. «Una volta approvato il progetto definitivo presentato in sede di gara, che mantiene le peculiarità architettoniche del progetto preliminare dell’architetto Christoph Mayr Fingerle vincitore a suo tempo del concorso di progettazione indetto a livello europeo, ottimizzando la parte impiantistica, l’impresa dovrà predisporre il progetto esecutivo» spiega Mischí.

Valutazione delle offerte. «Ha pesato la qualità all’80 per cento»

Andrea Sega, presidente della commissione tecnica che ha valutato le offerte, composta da cinque esperti, due architetti e tre ingegneri, spiega che «la valutazione, conclusasi il 23 giugno, è avvenuta in tempi relativamente rapidi in considerazione della grande mole di documentazione presentata, ogni impresa ha presentato un progetto con circa 300 documenti, dei quali alcuni di oltre 500 pagine. Nella scelta ha pesato all’80 per cento la qualità, rispetto al 20 per cento riservato al prezzo». Tra gli aspetti tenuti presenti accanto alla qualità generale del progetto definitivo, quelli del progetto impiantistico, termomeccanico ed elettrico, ma anche la manutenzione e durabilità dell’opera, e gli aspetti legati alla cantierizzazione e alla viabilità.

La roadmap

L’intervento prevede la riqualificazione edilizia della parte di edificio di via Longon che sarà mantenuta e la costruzione di un nuovo blocco. La volumetria complessiva del complesso edilizio sarà di 118.590 metri cubi. Se non saranno presentati ricorsi, la roadmap indica l’avvio dei lavori per il nuovo Polo bibliotecario nell’aprile 2018, la conclusione nell’aprile 2021 e la messa in funzione della struttura nell’estate dello stesso anno. L’investimento complessivo sarà di 59,975 milioni di euro compresi gli arredi.

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

Facebook

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211