Menu

Piano viabilità, c’è l’accordo per il sottopasso di via Roma: i dettagli

Pubblicato il 3 Settembre 2019 in Infrastrutture

 

La Giunta provinciale ha approvato oggi, martedì 3 settembre, i primi quattro interventi del “piano per la riorganizzazione della viabilità della zona produttiva di Bolzano sud“. L’accordo di programma per questi 4 interventi punta a migliorare viabilità, mobilità e raggiungibilità del capoluogo nei prossimi anni. L’accordo è stato firmato oggi dal sindaco di Bolzano Renzo Caramaschi al termine di una seduta straordinaria della Giunta comunale e dall’assessore provinciale alla mobilità Daniel Alfreider. Le opere approvate sono 4 delle 13 misure straordinarie dell’Agenda Bolzano per il riassetto della mobilità urbana, il miglioramento della qualità della vita e la diminuzione delle emissioni inquinanti dovute soprattutto al traffico di attraversamento della città dei flussi sovra-comunali. “Con queste misure risolviamo i nodi del traffico nella città e nelle zone circostanti, sulla base di studi e analisi specifiche sui flussi urbani ed extraurbani. Gli interventi ci consentiranno di migliorare sensibilmente la mobilità urbana dal punto di vista sociale, ambientale ed economico rendendo più sostenibile tutto il contesto cittadino” ha detto il presidente della Provincia Arno Kompatscher.

Le 4 opere in dettaglio

Il piano ha un valore complessivo di 42 milioni di euro, finanziati in parte dalla Provincia (75%) e in parte dal Comune (25%) sulla base della provenienza dei flussi di traffico diretti in città. L’opera principale riguarda il sottopasso di via Roma (31 milioni di euro). Le altre opere sono la riconfigurazione di via Grandi (1,6 milioni di euro), la ridefinizione degli svincoli di via Innsbruck e delle relative connessioni con l’attuale statale del Brennero (2,2 milioni di euro) e la riconfigurazione del tratto tra via Buozzi e via Pacinotti a partire da via Einstein fino a via Galilei (7,2 milioni). Obiettivi delle opere approvate sono lo snellimento dell’interconnessione tra il casello autostradale di Bolzano Sud, la statale 38 verso Merano, la statale 12 del Brennero e le aree centrali della città, nonchè il miglioramento dell’accessibilità all’area di Bolzano Sud per agevolare gli spostamenti e tutelare la competitività delle imprese insediate. Oltre a ciò, si punta ad una trasformazione urbana sostenibile che favorisca le condizioni per un progressivo processo di riconversione dell’area all’insegna della compatibilità tra le diverse tipologie di attività presenti, il potenziamento del trasporto pubblico e l’implementazione su tutto il territorio cittadino e della zona produttiva dei percorsi ciclo pedonali. L’accordo prevede ora la progettazione delle singole opere, secondo tempistiche diversificate per ciascun intervento.

Mobilità urbana, approccio sostenibile

“Una volta pronti i progetti definitivi potremo entrare nella fase di appalto e, assegnati i lavori, iniziare al più presto con gli interventi” ha aggiunto Kompatscher. “Il protocollo d’intesa firmato oggi pone le basi per una riorganizzazione della mobilità nell’area della zona produttiva di Bolzano sud secondo un approccio multimodale, nell’ambito di un’evoluzione della mobilità urbana verso modelli socialmente, ambientalmente ed economicamente più sostenibili” ha detto il presidente Kompatscher. “La mobilità di Bolzano deve essere ripensata e riorganizzata nel suo complesso. Nel farlo ci orientiamo sulle esigenze dei cittadini, sia di coloro che vivono in città ma anche di coloro che ci vengono per lavorare, fare acquisti o andare a scuola. Vogliamo utilizzare meglio le infrastrutture esistenti e introdurre un management intelligente per la mobilità, con meno rumore e inquinamento atmosferico e più qualità della vita” ha commentato l’assessore provinciale Daniel Alfreider.

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211