Menu

Oltrisarco, arriva il co-housing per i giovani: 32 mini a 130 euro al mese

Pubblicato il 18 Aprile 2017 in Infrastrutture, Turismo

 

Arriva il co-housing a Bolzano. Via libera della Giunta provinciale al progetto “Mi impegno&Prendo casa” nel quartiere di Oltrisarco a Bolzano. Il progetto è destinato ai giovani fra i 18 e 35 anni di età, residenti da almeno 5 anni continuativi in Alto Adige, motivati ad intraprendere un percorso di autonomia e crescita. Prevede la messa a disposizione di posti letto in affitto a canone calmierato, per aiutare i giovani a uscire dalla famiglia e avviare attività in proprio. «Ma il vantaggio è anche per la comunità, perché sono previsti interventi di utilità sociale a favore dei rioni di Bolzano. Si tratta pertanto di un modello abitativo innovativo che ha ricadute sociali su un intero quartiere. Abitare insieme per la qualità della vita, intesa come qualità delle relazioni» spiega l’assessore Christian Tommasini, che oggi ha portato il progetto in Giunta. Allo scopo saranno ricavati i locali necessari nell’edificio che ospita il convitto Rosenbach in piazza Nikoletti a Oltrisarco, dotato di posti letto e spazi comuni. “Mi impegno&Prendo casa” diventa un percorso di responsabilità sociale che i giovani accettano di condividere con l’Amministrazione pubblica: durante l’anno di permanenza nella struttura, gli aderenti co-progettano con l’ente pubblico interventi nei quartieri per favorire la coesione sociale e la fiducia reciproca tra generazioni (giovani che aiutano gli anziani) e tra cittadini e istituzioni (collaborazione per risolvere i problemi).

La Giunta provinciale ha quindi deciso di cambiare la destinazione d’uso dell’edificio Rosenbach, finora solo convitto per studenti della Scuola professionale Levinas, ampliandolo a co-housing per giovani maggiorenni. La struttura è ritenuta idonea al cohousing, con 32 posti letto divisi in minialloggi e con spazi comuni attrezzati (sala studio e lavoro, cucina). L’IPES è incaricata del bando di selezione per individuare il soggetto gestore del progetto di cohousing, che accompagni gli interessati e i progetti socio-culturali previsti. All’IPES viene dato in comodato gratuito l’edificio del convitto Rosenbach e l’incarico di gestire le rette previste. Il costo della locazione a carico degli aderenti al progetto è di 130 euro mensili per posto letto, comprensivo delle spese per le utenze (acqua, luce, riscaldamento). Gli under 35 interessati dovranno presentare domande di partecipazione, a cui seguirà la fase di selezione e certificazione delle competenze. La nuova destinazione d’uso scatta a partire da settembre 2017 e per un periodo sperimentale di tre anni, fino a fine agosto 2020. Al termine del triennio la Giunta provinciale valuterà se convertire definitivamente la destinazione dell’edificio o se riassegnarne la gestione all’Intendenza scolastica italiana.

Nell’ambito dello stesso programma di interventi, prosegue in parallelo l’iter di riqualificazione dell’edificio Ex Telefoni di Stato in Corso Italia a Bolzano, dove saranno riconvertiti spazi per cohousing e coworking attraverso il progetto denominato SmartUp.

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

Facebook

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211