Occupazione, Alto Adige in vetta. Ma fra uomini e donne troppa distanza

Pubblicato il 20 Aprile 2018 in Lavoro

 

Bolzano prima come tasso d’occupazione, anche se rimane ancora un gap fra uomini e donne. Lo studio “Il mercato del lavoro nelle province italiane”, elaborato dal Centro Studi CNA, conferma gli ottimi risultati nel 2017 della provincia di Bolzano, ma anche quella di Trento dà segnali di risveglio. Bolzano nel 2017 risulta prima con un tasso di occupazione del 72,9% (+0,2% rispetto al 2016). Trento è diciannovesima con un tasso del 67,6% (+1,5%). La provincia trentina è meglio posizionata nella differenza tra il tasso di occupazione maschile (73%) e quello femminile (62,1%): con il 10,9% di differenza è nona in Italia. La provincia altoatesina, in questa graduatoria, è solo ventottesima con una differenza del 13,9% tra il tasso di occupazione maschile pari al 79,8% e quello femminile pari al 65,9%. Bolzano svetta in Italia, invece, per il tasso di disoccupazione che è il 3,1%.

Schermata 2018-04-20 alle 10.38.05

«Nel 2017 – rileva lo studio della CNA – l’occupazione italiana è tornata quasi ai livelli del 2008. La ripresa della base occupazionale pre-crisi è stata realizzata in un periodo relativamente breve: quattro anni, nei quali ogni giorno sono stati recuperati in media circa 570 posti di lavoro. Anche il tasso di occupazione (ovvero l’occupazione in rapporto alla popolazione) è cresciuto negli ultimi quattro anni attestandosi alla fine dello scorso anno al 58%, il livello più alto degli ultimi dieci anni. Il recupero dell’occupazione non ha riguardato però tutti i territori. Rispetto al 2016 il tasso di occupazione è aumentato in due terzi delle province italiane e l’aumento del tasso di occupazione è risultato lievemente più accentuato nel Centro-Nord che nel Mezzogiorno».

«Le differenze dell’occupazione tra Nord e Sud dell’Italia – prosegue lo studio – non riguardano solo l’andamento ma anche il livello e la composizione della stessa. A fine 2017, infatti, le province del Centro Nord presentavano tassi di occupazione superiori alla media nazionale mentre le province meridionali erano accumunate da tassi di occupazione più bassi. Inoltre nei territori settentrionali la distanza che separa l’occupazione maschile da quella femminile risulta più contenuta che nel Mezzogiorno. In un orizzonte di lungo periodo, il divario tra le performance dell’occupazione a livello territoriale appare anche più marcato. Tra il 2008 e il 2017 solo trentasei province su centosette hanno recuperato i livelli occupazionali pre-crisi. Si tratta per lo più di province settentrionali. Nella maggior parte del Mezzogiorno, invece, l’occupazione resta ancora lontana dai livelli del 2008».

«Il sentiero di crescita dell’occupazione intrapreso dal nostro Paese a partire dal 2013 – commenta Claudio Corrarati, presidente della CNA Trentino Alto Adige – non è stato in grado di ridurre il gap occupazionale tra Nord e Sud, che al contrario si è ampliato. Appare quindi necessaria una nuova e più incisiva strategia di coesione territoriale capace di innescare un processo di convergenza che porti ad un avvicinamento tra i livelli occupazionali delle diverse regioni italiane. L’Alto Adige, in tal senso, può mettere a disposizione le best practice che hanno fatto ripartire l’economia e creano, attraverso l’apprendistato e la formazione scuola-lavoro, i presupposti per un elevato tasso di occupazione giovanile. Sicuramente molto rimane da fare sull’occupazione femminile, dove si sta muovendo bene il Trentino anche grazie ad un progetto mirato che sta sviluppando CNA del Trentino per uno sportello attivo sull’accompagnamento delle donne verso l’occupazione, anche autonoma».



Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211