“Museo all’aperto”, così Transdolomites ricrea la ferrovia Ora-Predazzo

Pubblicato il 19 Marzo 2019 in Territorio

 

Sono stati portati a termine, nella giornata di ieri lunedì 18 marzo, i trasporti eccezionali che hanno riguardato le ultime due carrozze ferroviarie che da Caselle (GE) sono arrivate a destinazione a Ora (BZ). L’operazione rientra nel contesto del progetto museale dedicato alla ex ferrovia Ora-Predazzo. Si tratta infatti di due carrozze passeggeri che dalla Domodossola Locarno (Vigezzina) negli anni scorsi furono cedute alla Genova -Casella . La “flotta ferroviaria ” attualmente di proprietà di  Transdolomites è così composta dal carro merci che fece servizio sulla Ora-Predazzo e tre carrozze della Vigezzina che furono costruite sempre agli anni di esercizio della Ferrovia della Valle di Fiemme.

Con i trasporti effettuati, si è conclusa la prima fase del progetto di “Museo all’aperto” , iniziativa destinata ad essere la prima del genere in Italia dedicato alle ferrovie di montagna a scartamento metrico. Il passo successivo sarà quello di avviare i lavori di restauro sul carro merci. A restauri ultimati , tutti e quattro i vagoni verranno poi ceduti gratuitamente da Transdolomites ai comuni di Ora-Montagna-Castello Molina e Predazzo. Nel corso di questi mesi, i comuni di Predazzo, Panchià, Cavalese, Castello Molina, Carano hanno trasmesso all’associazione le proposte progettuali che contengono le idee di come i comuni citati intenderebbero realizzare, sui territori di competenza, gli interventi che avranno lo scopo di ricordare il ” passaggio ” della storica ferrovia in Valle di Fiemme.

In sintesi, le “tracce” del progetto museale si inizieranno a notare anche nel percorso valligiano, in attesa di conoscere le proposte dei comuni rimanenti di Fiemme e della Bassa Atesina. Altra nota positiva riguarda il comune di Ora ove la Provincia Autonoma di Bolzano ha concesso in uso per 30 anni l’edificio della Ferrovia Elettrica della Valle di Fiemme che si trova sull’areale ferroviario di Ora. L’immobile farà parte del progetto museale dopo alcuni interventi di restauro.

 

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211