Mountain bike, fondo di 35mila euro per la manutenzione dei sentieri

Pubblicato il 2 Agosto 2018 in Territorio, Turismo

mountain bike  

Un fondo speciale per la manutenzione dei sentieri percorsi dalle mountain bike su superfici di proprietà privata sulle montagne altoatesine ha visto la luce oggi (2 agosto) grazie alla firma dell’accordo fra l’Associazione provinciale delle organizzazioni turistiche, il Bauernbund e l’associazione degli esercenti funiviari dell’Alto Adige. La sottoscrizione dell’intesa ha avuto luogo a Palazzo Widmann, alla presenza del presidente della Provincia Arno Kompatscher nel ruolo di garante. Il fondo istituito presso il Bauernbund prevede la messa a disposizione di 35.000 euro da parte dei tre enti coinvolti per finanziare un’iniziativa di tutela delle zone agricole ad elevata frequentazione di bikers denominata «Progetti a tutela dell’agricoltura». L’accordo è stato sottoscritto dal presidente e dal direttore dell’associazione delle organizzazioni turistiche, Ambros Hofere Hubert Unterweger, dall’Obmann del Bauernbund Leo Tiefenthaler e dal presidente dell’Associazione degli esercenti funiviari Helmut Sartori. L’accordo prevede la costituzione di un gruppo di lavoro composto rispettivamente da un rappresentante per ciascuna delle associazioni turistiche e degli esercenti funiviari e da due rappresentanti del Bauernbund. Compito del gruppo di lavoro sarà quello di selezionare i progetti a tutela dell’agricoltura che di volta in volta dovranno essere attuati.

Mountain bike, approccio sostenibile

«E’ importante unire le forze e remare tutti nella stessa direzione. La collaborazione fra agricoltura e turismo nella gestione delle aree di montagna rappresenta un risultato importante per la nostra provincia, segno di una volontà comune che punta alla sostenibilità. Tale approccio condiviso è assolutamente preferibile alla strada dei divieti e dei controlli, che devono essere visti come extrema ratio» ha detto il presidente Kompatscher. La decisione di creare un gruppo di lavoro ad hoc è stato il risultato di diverse riunioni il cui obiettivo era proprio quello di evitare al massimo il ricorso a divieti e sanzioni. «Il ruolo di garanzia del presidente della Provincia conferisce solidità all’accordo» ha sottolineato Tiefenthaler. Secondo Hofer l’accordo «rappresenta un passo importante nella giusta direzione». Si tratta di un’intesa importante anche a fronte del progressivo incremento del numero dei mountain-bikers sui sentieri di montagna, come ricordato da Sartori.

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211