Metrobus, completate 4 fermate: raddoppiate le obliterazioni dal 2014 ad oggi

Pubblicato il 17 Settembre 2019 in Infrastrutture

 

Proseguono a pieno regime i lavori sulla linea del metrobus, in particolare per il nodo della stazione di Caldaro con la costruzione di nuovi percorsi pedonali e ciclabili. La Giunta provinciale ha approvato oggi (17 settembre) la firma della convenzione con Südtirol Gas Spa per procedere con i lavori. La firma ha offerto l’occasione di fare il punto sui lavori di realizzazione della linea che collegherà Bolzano all’Oltradige in modo più efficiente e rispettoso dell’ambiente.

Precedenza alla mobilità pulita

“Il nostro obiettivo è realizzare un sistema di precedenza con corsie preferenziali per autobus che trasportino molti passeggeri sulla tratta Bolzano-Oltradige in modo sostenibile” ha sottolineato il presidente Arno Kompatscher. L’infrastruttura prevede la realizzazione di corsie preferenziali, semafori intelligenti e fermate a misura di utente, ha sottolineato Kompatscher. “Con la realizzazione del metrobus puntiamo a ridurre di un terzo il traffico veicolare privato, ridurre il rumore e l’inquinamento atmosferico migliorando la qualità della vita dei cittadini” ha aggiunto Kompatscher. La realizzazione della linea del metrobus consentirà un collegamento più rapido e sostenibile fra l’Oltradige e Bolzano. La richiesta di mobilità su questa tratta è stata crescente negli ultimi anni: fra il 2014 e il 2018 i biglietti obliterati sono passati da 481.717 a 758.743, con un incremento complessivo del 58%. Obiettivo dell’amministrazione con questa infrastruttura è non solo aumentare ancora il numero di passeggeri dei mezzi pubblici ma anche quella di ridurre il traffico privato sulla medesima tratta.

Miglioramento costante col procedere dei lavori

“Ogni ulteriore lotto costruttivo che realizziamo migliora in modo sensibile la fluidità del traffico sulla direttrice, riducendo i tempi di percorrenza e migliorando la qualità della vita degli abitanti” aggiunge l’assessore provinciale alla mobilità Daniel Alfreider. Il metrobus collega Bolzano con l’Oltradige lungo via Druso nel territorio del capoluogo, lungo la SS 42 per Merano e infine in direzione di Appiano e Caldaro sulla provinciale SP 14. Saranno realizzate corsie preferenziali, con fermate e semafori intelligenti, in alcuni punti verranno realizzate nuove rotatorie e migliorate le uscite esistenti. Lungo i 10 chilometri della tratta extraurbana lungo la SS 42 per Merano e la SP 14 per l’Oltradige sono stati realizzati circa un chilometro di corsia preferenziale e la rotatoria del bivio di Ponte Adige. Già realizzate anche quattro fermate: San Paolo Appiano, Appiano Stazione, Appiano Ganda e Pianizza di Sotto. E’ in fase di realizzazione la fermata di Caldaro Stazione, ultima fermata della tratta metrobus. A Bolzano le corsie preferenziali sono state realizzate su quasi tutta la lunghezza di circa 4,5 chilometri compresi tra la rotonda di Ponte Adige e la stazione dei treni. I rimanenti 550 metri fra via Palermo e piazza Adriano sono in corso di realizzazione.

Mezzi ad hoc con la precedenza sulle fermate

Con l’implementazione della linea 131 per l’Oltradige sono stati acquistati anche 12 mezzi snodati da 18 metri che vengono utilizzati dal gestore SAD. A fermate completate gli autosnodati metrobus potranno entrare ed uscire dalle fermate con precedenza su tutti i veicoli e sui passaggi pedonali semaforizzati. Il sistema semaforico sarà gestito da una ditta esterna, consentendo la regolazione dei flussi di traffico stabilendo le precedenze. Questo sistema è già in funzione all’altezza del ponte sull’Adige. L’incremento dell’utenza sulla linea Bolzano-Oltradige è derivato anche dall’incremento della cadenza, che nel 2018 ha visto l’introduzione di una corsa ogni 15 minuti, mentre prima la frequenza era ogni 30 minuti. Le nuove corsie preferenziali consentiranno un calo dei tempi di percorrenza.

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211