Laurearsi ai tempi del Coronavirus: «Una sfida vinta insieme»

Pubblicato il 21 Marzo 2020 in Territorio

 

Nelle ultime settimane, alla Facoltà di Scienze della Formazione di Bressanone si sono tenute 77 discussioni di tesi. “Siamo riusciti a gestire bene questi esami, anche se quasi ogni ora le norme di sicurezza venivano inasprite”, riassume il preside, prof. Paul Videsott. All’inizio, i candidati potevano ancora presentarsi individualmente davanti alla commissione, ma con le precauzioni sempre più stringenti, alla fine si è convenuto sulla necessità di svolgere l’esame di laurea online. “È stata una grande sfida vinta insieme che ci fa sperare anche per il futuro”, afferma Videsott, “I momenti di difficoltà permettono di riscoprire risorse inaspettate”.

Alla Facoltà di Economia, nel campus di Brunico, si sono laureati 18 studenti del corso di laurea in Management del Turismo, dello Sport e degli Eventi. 28 invece sono i laureati triennali nel campus di Bolzano. La discussione delle tesi di laurea magistrale – 15 – si sono rivelate più complesse da gestire, rispetto alle lauree triennali. “Abbiamo dovuto istituire quattro commissioni online”, spiega il preside, prof. Oswin Maurer, “ogni sessione era divisa in due fasi: una di discussione pubblica con gli studenti, che potevano anche invitare amici e familiari ad assistere, come nel caso dei tradizionali esami di laurea. La seconda, invece, serviva internamente ai commissari per la valutazione della tesi e l’attribuzione del voto. Tutto però è andato secondo i piani e siamo stati in grado di far laureare complessivamente, tra le lauree a Brunico e Bolzano, 61 studenti”.

Alla Facoltà di Scienze e Tecnologie, martedì e mercoledì di questa settimana 44 studenti hanno ottenuto il titolo di dottore e dottore magistrale: 7 per il corso di laurea in Ingegneria industriale meccanica, 12 per il corso di laurea in Scienze agrarie, degli Alimenti e dell’Ambiente montano, 6 per il corso di laurea magistrale in Environmental Management of Mountain Areas (Gestione ambientale delle regioni di montagna, ndt.), 4 per il corso di laurea magistrale in Industrial Mechanical Engineering (Ingegneria industriale meccanica, ndt). e 15 per il corso di laurea magistrale in Energy Engineering (Ingegneria energetica, ndt.). “In due giorni siamo riusciti a portare a termine gli esami di laurea previsti, con grande soddisfazione di tutti. È un segnale che ci deve dare fiducia per il futuro”, sostiene il preside, prof. Stefano Cesco.

La Facoltà di Scienze e Tecnologie informatiche, infine, questa settimana ha proclamato sette nuovi dottori: cinque nella laurea triennale due in quella magistrale. “Siamo felici per i nostri ormai ex-studenti. La tempistica delle loro discussioni non ha subito rallentamenti. Tutto ciò è estremamente positivo dato che tutti hanno già dei progetti per il dopo, sia per continuare a studiare che per candidarsi a una posizione lavorativa”, sottolinea il preside, prof. Francesco Ricc



Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211