Legge provinciale: Roma contesta 25 punti, Kompatscher ribadisce: «Resta in vigore»

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

C’è soddisfazione e tranquillità sul volto di Arno Kompatscher, intervenuto poco fa nella consueta conferenza stampa per fare un bilancio di questi primi giorni di riapertura. La legge provinciale, che ha anticipato i tempi della ripresa economica nella fase 2 di tutta Italia, ha fatto discutere molto, soprattutto a livello nazionale. Nei giorni scorsi Bolzano era invasa da giornalisti giunti nel capoluogo per svolgere reportage televisivi. E anche loro avranno potuto constatare la disciplina di commercianti e clienti nel seguire le norme con rispetto.

“Voglio ricordare ancora una volta che è solo grazie allo sviluppo positivo del contagio epidemiologico che abbiamo potuto anticipare le riaperture in Alto Adige. I dati di oggi (zero decessi e zero nuovi casi, ndr) confermano ancora una volta che siamo sulla buona strada. La legge provinciale, che è stata approvata con larga maggioranza, e stata recepita in maniera corretta dai cittadini e dagli esercenti e questi primi giorni sono sicuramente positivi”, ha spiegato Kompastcher.

Legge provinciale, l’impugnazione del Governo

Il Landeshauptmann si è soffermato anche sull’annunciata impugnazione da parte di Roma della legge, annunciata lo scorso venerdì da parte del Ministro agli affari regionali Francesco Boccia. Sono ben 25 infatti, i punti messi in discussione da parte del Governo. Contestazioni che non riguardano solo le mancate misure di sicurezza previste dall’Inail, ma anche presunti sconfinamenti di competenza.

A riguardo Kompatscher ha ribadito ciò che aveva già spiegato venerdì scorso sempre in conferenza stampa: anche se impugnata, le legge resta in vigore. “Abbiamo ricevuto dal ministro Boccia una nota che elenca tutti i punti in cui, secondo il Governo, la nostra legge violerebbe le prerogative dello Stato. Siamo già al lavoro e risponderemo punto per punto. La legge continua a rimanere in vigore e verrà osservata e fatta osservare da tutti fino all’eventuale annullamento davanti alla Corte Costituzionale, processo però che avrebbe tempi lunghissimi. Siamo fiduciosi di poter difendere bene la legge davanti alla Consulta”.

 

Ti potrebbe interessare