Le imprese altoatesine sono le più produttive d’Italia, ecco perché

Pubblicato il 28 Dicembre 2017 in Imprese

 

Nel 2015 le imprese attive nell’industria e nei servizi di mercato sono 43.628 e occupano 183.129 addetti, di cui 129.222 dipendenti. Il valore aggiunto continua a crescere e raggiunge 10,5 miliardi di euro, in accelerazione (+5,5%) rispetto al +2,9% del 2014. Gli investimenti invece sono in discesa (-13,0% rispetto all’anno precedente). A dirlo è uno studio dell’Astat che traccia un quadro nitido del mondo imprenditoriale altoatesino. Nel 2015 l’intero fatturato delle imprese nei settori industria e servizi ammonta a 35,3 miliardi di euro (+8,3% rispetto all’anno precedente). La sezione di attività economica Commercio all’ingrosso e al dettaglio, riparazione di autoveicoli e motocicli registra, con 13,3 miliardi di euro, il 37,8% dell’intero fatturato. Al secondo posto la sezione Attività manifatturiere che rappresenta il 21,0% del fatturato totale.

Energia al top

Mettendo in relazione questi risultati con il numero di imprese e di addetti, emerge che i massimi fatturati per impresa si rilevano nei tre settori Fornitura di acqua, Attività manifatturiere e Fornitura di energia con rispettivamente 2,6, 2,4, e 2,1 milioni di euro, mentre il minimo fatturato per impresa si registra nelle Altre attività di servizi con 108,2 mila euro. Invece il massimo fatturato per addetto si registra nella Fornitura di energia, con 1,2 milioni di euro, il minimo fatturato per addetto è registrato dal settore Istruzione con 36,9 mila euro. In base al fatturato per addetto, l’impresa media alto- atesina dei settori industria e servizi si attesta, con 193 mila euro, poco al di sopra della media nazionale (190 mila euro) e ben al di sopra di quella del Trentino (167 mila euro).

Meno investimenti

La provincia di Bolzano con un valore aggiunto per addetto pari a 57,2 mila euro si attesta così in cima alla classifica delle regioni italiane. Il Trentino e l’Italia rilevano un valore aggiunto pari rispettivamente a 48,4 e 45,6 mila euro per addetto. L’Alto Adige si colloca sopra i livelli di produttività nazionale sia nel settore industriale sia in quello dei servizi, contribuendo ad elevare i valori nazionali. Le imprese del settore produttivo e dei servizi hanno investito nel 2015 circa 1,2 miliardi di euro (-13,0% rispetto all’anno precedente). Quasi un quarto degli investimenti lordi sono stati attivati dalla sezione Attività manifatturiere (23,1%), seguiti da Commercio all’ingrosso e al dettaglio, riparazione di autoveicoli e motocicli (15,3%). Il settore Fornitura di energia, che l’anno precedente registrava il 17,7% del totale investimenti, nel 2015 è sceso al 10,9%.In media le imprese investono 35 euro ogni 1.000 euro di fatturato. Il massimo tasso d’investimento è realizzato dalla sezione economica Estrazione di minerali da cave e miniere con 114 euro ogni 1.000 euro di fatturato. In rapporto al fatturato, il minimo investimento ha interessato la sezione Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento (13 euro ogni 1.000 euro di fatturato). Dal confronto dei valori dell’Alto Adige con quelli di Trentino ed Italia, si evidenzia come la quota di investimenti in Alto Adige pari a 35 euro ogni 1.000 euro di fatturato sia inferiore a quella della provincia confinante (42 euro) e superiore alla media italiana (29 euro).

Imprese più competitive

Nel 2015 l’indicatore per la competitività di costo delle imprese altoatesine nel settore produttivo e dei servizi ammonta a circa 144 euro. Il che significa che vengono raggiunti 144 euro di valore aggiunto per addetto spendendo 100 euro di costi unitari del lavoro. In altre parole, ogni 100 euro versati per un dipendente, l’impresa realizza 144 euro di valore aggiunto. Questo valore è superiore sia a quello della vicina pro- vincia di Trento (138 euro), che a quello medio na- zionale (127 euro).

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211