Impianti termici, abbassati i limiti delle emissioni

Pubblicato il 10 Aprile 2018 in Infrastrutture, Territorio

impianti termici  

La Giunta provinciale ha disposto la modifica dei valori limite delle emissioni per gli impianti termici adeguandosi a quelli in vigore a livello nazionale. Tali valori, infatti, in base ad una direttiva europea recepita dall’Italia ed entrata in vigore nel dicembre 2017, sono stati abbassati per alcune tipologie di impianti. Oggi (10 aprile), su proposta dell’assessore provinciale all’ambiente ed energia Richard Theiner, la Giunta ha approvato gli aggiornamenti alle disposizioni provinciali vigenti, elaborati dall’Agenzia provinciale per l’ambiente. «In Alto Adige le emissioni degli impianti termici vengono controllate regolarmente tramite gli spazzacamini già dal 1993», fa presente Theiner, ricordando come la Provincia di Bolzano si sia dotata di «un’apposita regolamentazione adeguata negli anni allo sviluppo tecnologico e normativo. Con la delibera odierna tale regolamentazione viene modificata in tre punti, mentre restano invariati gli altri principi».

Abbassati valori limite di emissione

Il regolamento determina i valori limite di emissione, la periodicità, la tipologia e le modalità dei controlli degli impianti termici che si applicano a quelli alimentati con combustibili liquidi e solidi aventi una potenza termica nominale maggiore di 35 kW e fino a 1.000 kW, nonché a quelli alimentati con combustibili gassosi aventi una potenza termica nominale maggiore di 35 kW e fino a 3.000 kW. Per tali impianti è previsto un controllo annuale delle emissioni. La Giunta ha deliberato, che, secondo le disposizioni europee e nazionali, i valori limite di emissione per gli impianti termici alimentati con combustibili gassosi aventi una potenza termica nominale maggiore di 1000 kW e fino a 3.000 kW i valori limite di emissione riferiti agli ossidi di azoto siano abbassati da 250 a 100 mg/m3 e per gli impianti alimentati a legna aventi una potenza termica nominale maggiore di 500 kW e fino a 1.000 kW riferiti al monossido di carbonio vengano abbassati da 350 a 250 mg/m3. Gli altri valori limite di emissioni restano invariati.

Novità per abilitazione a controllore fumi

L’abilitazione di controllore fumi, in base a quanto deciso oggi dalla Giunta, viene rilasciata a coloro che possono dimostrare di aver lavorato per almeno due anni presso un controllore fumi abilitato e di aver frequentato e assolto con successo il corso di preparazione organizzato dal gruppo di mestiere degli spazzacamini sul tema impianti termici ed emissioni in atmosfera. In precedenza era necessario superare un esame di abilitazione presso la scuola professionale dopo aver frequentato la scuola di formazione per la professione di spazzacamino che, però, non rientra più tra l’offerta formativa in Alto Adige.

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211