Il futuro dello skipass corre sullo smartphone

Pubblicato il 19 Dicembre 2016 in Innovazione, Territorio

 

Rivoluzionare il turismo sugli sci con il sostegno di uno dei maggiori player sul mercato, ossia Dolomiti Superski, e con la rinomata azienda viennese di consulenza aziendale WhatAVenture: lo scopo del Vertical Innovation Camp di IDM Alto Adige in Val Gardena ha puntato in alto. Per tre giorni trenta rappresentanti di note aziende, start-up ed enti di ricerca dall’Alto Adige e da tutt’Europa sono stati invitati a sviluppare nuove idee per gli sport sulla neve. Innovazione allo stato puro, questa era la richiesta: da nuovi servizi per lo sci fino a nuovissimi sistemi d’accesso, passando per app e controlli d’accesso attuali. La ricompensa per l’intenso brainstorming è stato un premio all’innovazione per l’idea migliore. Se l’è aggiudicato il progetto “Super Dolomiti”, che permetterà di caricare lo skipass sul cellulare.

«Le tecnologie alpine sono un campo in cui l’Alto Adige è molto forte per le sue caratteristiche geografiche e per l’inventiva dei suoi abitanti. Da questo “DNA alpino” si sono sviluppate innovative aziende di nicchia, ma anche imprese leader nei diversi settori delle tecnologie alpine supportate nel loro lavoro da enti di ricerca. Il nostro IDM-Camp ha portato avanti questa tradizione e ha liberato la creatività e lo spirito innovativo dei partecipanti per trovare tutti assieme nuove soluzioni innovative per il turismo sugli sci», afferma Petra Seppi, la responsabile dell’area Investment Consulting & Promotion, il cui team ha organizzato il Vertical Innovation Camp di Selva assieme ai partner Dolomiti Superski e WhatAVenture.

Lo scopo principale dei tre giorni di workshop è stato quello di sviluppare nuove idee imprenditoriali, nuovi prodotti e processi sotto la guida di professionisti. Nel loro lavoro i partecipanti sono stati aiutati e sostenuti da Dolomiti Superski, che ha messo il proprio business model a disposizione delle persone coinvolte nel brainstorming e ha accompagnato le attività come mentore. «Con più di 10 milioni di giornate di skipass vendute, 630.000 persone trasportate all’ora e 3.000 collaboratori siamo uno dei più grandi e innovativi comprensori sciistici a livello mondiale. Per noi è molto importante essere sempre un passo avanti nella tecnologia. Questo Camp ha rappresentato un’ottima opportunità per sviluppare assieme ad aziende ed esperti degli approcci per trovare delle soluzioni innovative su misura, che potremo seguire anche in futuro», così Sandro Lazzari, presidente di Dolomiti Superski, ha spiegato la partecipazione al progetto da parte del carosello sciistico.

I partecipanti selezionati provenivano da Italia, Germania, Austria, Polonia, Ungheria e Slovacchia; tra loro c’erano anche i noti player del settore Doppelmayr e Infineon, ma anche start-up innovative come l’altoatesina Bruno Mandolesi – VR & Art Direction, l’austriaca Slopestars e la polacca Snowcookie. Per trovare insieme le migliori soluzioni si è lavorato in team. Che il camp si sia svolto a Selva non è stato un caso: l’ambiente nel cuore del turismo sciistico è stato fonte d’ispirazione per i partecipanti e la vicinanza alle piste ha dato loro l’opportunità d’interpellare direttamente i clienti. Il terzo giorno un percorso guidato dietro le quinte del super-g della Coppa del mondo con Stefania Demetz, la direttrice del comitato organizzatore, ha concluso la manifestazione nel migliore dei modi.

Tra le idee lanciate dai partecipanti ci sono stati i progetti “Uniski” e “360 customer experience”, che hanno conquistato il secondo e il terzo posto. Il primo dei due progetti prevede la memorizzazione dello skipass in un braccialetto su cui caricare anche i dati sanitari dello sciatore permettere quindi ai soccorritori di avere accesso immediato a informazioni essenziali. Il secondo progetto prevede di raccogliere i dati più importanti riguardanti il cliente, come le informazioni sulle sue abitudini d’acquisto, per poi proporgli dei servizi dedicati, come per esempio sconti sui prodotti che preferisce. Infine è stato proclamato vincitore “Super Dolomiti”, un progetto incentrato sulla possibilità di caricare lo skipass sul cellulare e migliorare ulteriormente i servizi di Dolomiti Superksi o offrirne di nuovi in base alla user experience. Il team vincitore era composto da Georg Baumgartner di Slopestars, Riccardo De Filippi di Motorialab/Fondazione Bruno Kessler, Ulrich Andreas di TAO Digital, Simon Falkensteiner di Rateboard, Markus Kommenda di AIT – Austrian Institute of Technology e Steven Study di Team-Mesh Biz. Il premio per l’innovazione è stato assegnato da una giuria di cui facevano parte collaboratori di Dolomiti Superski, IDM Alto Adige e Axcess, azienda specialista per il management degli accessi e dei ticket. Il premio consiste nell’assegnazione di un incarico da parte di Dolomiti Superski per sviluppare l’idea vincitrice fino a quando sarà pronta per essere realizzata.

Creative Commons License
Alcuni diritti riservati
petizione treno bolzano milano

2015 - Alto Adige Innovazione - Testata giornalistica iscritta in data 10/11/2015 al numero 4059 del Registro Stampa presso il Tribunale di Bolzano.
Direttore Responsabile: Domenico Lanzilotta. E-mail: redazione@altoadigeinnovazione.it | Privacy e Cookie Policy
Editore: Media Accelerator - Partita IVA 02906890211